Campane a morto per l’ex Fcu, Liberati, finisce con la Spoleto-Norcia

Campane a morto per l'ex Fcu, Liberati, finisce con la Spoleto-Norcia
Campane a morto per l'ex Fcu, Liberati, finisce con la Spoleto-Norcia

Campane a morto per l’ex Fcu, Liberati, finisce con la Spoleto-Norcia
Il nuovo Piano Trasporti dell’Umbria cancella di fatto la ex FCU: è questo l’esito, drammatico quanto annunciato, dell’assenza di una incisiva visione strategico-logistica da parte di Catiuscia Marini.

Nell’immagine allegata, scattata stamane nel corso della discussione in Commissione, apprendiamo infatti come la Regione, col famigerato Piano, si appresti a depennare per sempre un’infrastruttura ferroviaria che ha fatto la storia dell’Umbria contemporanea, accompagnando generazioni di studenti, lavoratori, turisti, ma anche trasportando merci, umbre e no. Tempi lontani.

Saranno anzitutto fortemente ridotte le coppie di treni tra Perugia e Terni: dalle attuali dieci a sole tre. Inoltre, su questa tratta, la ferrovia rimarrà sbarrata per circa 90 giorni su 365, mentre tra Perugia e Ponte San Giovanni saranno almeno 60 i giorni di interdizione: sono i prodromi della chiusura definitiva. Come per la Spoleto-Norcia: la stessa stolida politica dei ‘rami secchi’, mezzo secolo dopo.
Né i tecnici hanno smentito numeri che loro stessi avevano prodotto.

Così si perderà un asset che, dopo esser stato de-elettrificato, fu poi ri-elettrificato a suon di miliardi di vecchie lire, senza che tuttavia un solo elettrotreno ancor oggi, dopo 20 anni, lo attraversi: nonostante tanta cattiva politica, la ex FCU è riuscita finora a sopravvivere. Oggi rintoccano però le campane a morto: a cosa servono le Regioni se non riescono a difendere nemmeno servizi essenziali come questi?

A fronte del caos dentro il quale stiamo sprofondando, è stato comunque affermato che, nei prossimi anni, i treni che rimarranno sulla ex FCU sfrecceranno alla paurosa velocità commerciale di ben… 60 km/h, ossia appena 15/20 km/h in più rispetto a 100 anni fa. Il tutto mentre le auto, secondo i dati snocciolati dagli esperti, percorrono la contigua E/45 a circa 120 km/h, velocità oltre Codice -salvo arrivare all’imbuto-nodo di Perugia, dove nelle ore di punta si scende anche a 25 km/h.

La mancanza di investimenti seri sull’ex FCU e la grave carenza di manutenzione programmata minima; l’assenza di un piano merci regionale e di piastre logistiche connesse al ferro; un raddoppio Perugia S.Anna-Pallotta non ancora operativo; i milioni e milioni di euro gettati sulla lucrosa quanto inutile ramificazione Umbertide-Pierantonio e sulla Terni-Cesi; gli inutilizzabili treni a trazione elettrica, acquistati e subito dopo ovviamente bloccati; tutto questo imbarazzante quadro conduce l’Umbria verso un nuovo isolamento ferroviario, ma anche stradale, giacché l’utenza, deprivata degli amati binari, dovrà riversarsi in massa sulle arterie esistenti. Arterie notoriamente già al collasso.

Cosa pensano di tali avvilenti prospettive i pendolari, i cittadini, le imprese umbre, comitati e associazioni? Qualcuno li ha mai sentiti? Hanno davvero partecipato alla redazione di un Piano siffatto? E’ questo il modo di tenere in considerazione l’interesse pubblico?

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*