Bracconaggio ittico: Il Pd ha respinto tutte le proposte del M5S

Occasione persa e norma del tutto inefficace

Caso Nestlè, Ciprini M5s: "Dal governo Mise un contentino che non tutela lavoratori"

Bracconaggio ittico: Il Pd ha respinto tutte le proposte del M5S. Occasione persa e norma del tutto inefficace.

“Nel collegato agricolo, noi del M5S, avevamo proposto emendamenti che inasprivano le pene per chi compie attività di bracconaggio nelle acque interne con l’arresto fino a 3 anni e ammende fino a 15mila euro, allargandole anche ad altri comportamenti che i predoni delle acque fluviali e lacustri pongono in essere come l’utilizzo della corrente elettrica o di sostanze tossiche” – spiega la deputata umbra Tiziana Ciprini.

Non è passata la sanzione penale per chi utilizza strumenti della pesca professionale oltre ai limiti consentiti, attività che ha ridotto al minimo la fauna dei fiumi e la sua delicata biodiversità. Secondo l’Università di Ferrara, si è perso un terzo del patrimonio ittico, oltre al fatto di creare un grave danno al mercato regolare e alla nostra salute.

Il problema è conosciuto anche nelle acque interne umbre: ci sono cacciatori abusivi, soprattutto di origine straniera, che in Italia hanno trovato una vera e propria miniera d’oro, rivendendo il pescato sui mercati italiani e dell’est Europa, creando danni ambientali inimmaginabili.

“Non applicare pene più severe permetterà ai pescatori di frodo di continuare la loro attività illegale indisturbati. Si è persa una grande occasione per mettere la parola fine al contrabbando. Speriamo che al Senato si possano correggere queste gravi lacune e trovare le risorse per garantire un controllo più esteso sui territori, dopo la recente soppressione della Polizia Provinciale voluta dal Governo.

Non possiamo permetterci in alcun modo di consegnare nelle mani di delinquenti come i bracconieri, il futuro dei nostri fiumi e laghi” – chiosa la pentastellata.

Bracconaggio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*