Blocco studentesco, Boldrini e Fedeli i nuovi mostri degli studenti italiani

La battaglia che il Blocco Studentesco persegue da anni contro i nemici dell’istruzione e della cultura italiana

Blocco studentesco, Boldrini e Fedeli i nuovi mostri degli studenti italiani

Blocco studentesco, Boldrini e Fedeli i nuovi mostri degli studenti italiani

dal Blocco Studentesco Umbria
PERUGIA – Nella notte le città di Perugia, Foligno, Todi ed Orvieto sono state invase dalle gigantografie del presidente della camera, Laura Boldrini e dell’attuale ministro dell’istruzione, Valeria Fedeli. L’azione, richiamando la satira della rubrica “i nuovi mostri” di Striscia la notizia, si pone in continuità con la battaglia che il Blocco Studentesco persegue da anni contro i nemici dell’istruzione e della cultura italiana, nonché del futuro di questa nazione.

I “mostri” Boldrini e Fedeli sono solo i primi due di una lunga rubrica nella quale si susseguiranno i volti dei responsabili del declino inesorabile verso il quale corre il nostro paese. Da tempo assistiamo a numerosi tentativi di distruzione dell’identità del popolo italiano e con essa la sua cultura.

Laura Boldrini, presidente della camera in carica – si legge in una nota diffusa dal Blocco Studentesco – è l’emblema di quella che sembra essere una casta politica esclusivamente votata ad uno sradicamento identitario, a causa del quale le nuove generazioni non hanno delle solide basi dalle quali partire per la costruzione del proprio futuro.

Valeria Fedeli, il ministro dell’istruzione senza istruzione, è il paradosso della cultura italiana: sindacalista e figlia del Partito Democratico, complice dell’attentato all’istruzione pubblica messo a segno dalla legge criminale “la Buona Scuola” – continua la nota – rappresenta tutto quello che la cultura non dovrebbe essere. In Italia si registrano ancora gravi percentuali di analfabetismo funzionale, il numero degli adolescenti che conseguono il diploma è in calo, mentre il numero dei laureati è tra i più bassi in Europa: di tutto ciò il Ministro non sembra preoccuparsi minimamente, interessandosi piuttosto a mantenere una linea politica vacua, atta semplicemente a deresponsabilizzare se stessa in attesa delle prossime elezioni nazionali.

Quello di oggi è l’ennesimo attacco che rivolgiamo a tutte quelle istituzioni che rappresentano una vera e propria zavorra per lo sviluppo dell’istruzione, della cultura italiana e inevitabilmente del futuro di questo paese. Solo una gioventù forte e libera, consapevole delle proprie radici ma proiettata energicamente verso il futuro – conclude la nota del movimento dal fulmine cerchiato – può realizzare l’inversione di rotta necessaria che valga da esempio ai giovani di tutta Europa.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*