Bettona, cade l’amministrazione del sindaco Frascarelli

Bettona Foto Zingales PANORAMIO

Bettona, cade l’amministrazione del sindaco Frascarelli

da Remo Granocchia – Il Comitato Popolare per l’Ambiente di Bettona in occasione delle elezioni amministrative comunali del 2012 aveva sostenuto convintamente e fattivamente la Lista Civica capeggiata dal sindaco Stefano Frascarelli che doveva realizzare il Programma Elettorale di tutela e risanamento dell’ambiente, valorizzando il territorio e le tante bellezze monumentali e paesaggistiche.

Il Programma elettorale condiviso prevedeva la non autorizzazione agli allevamenti industriali, la non autorizzazione alle centrali a biomasse e la valorizzazione del territorio agricolo di pregio.

Nel corso della amministrazione Frascarelli è stata invece autorizzata una stalla per suini di 10.000 mq, un impianto a biomasse per utilizzare il legname proveniente dai boschi di Gubbio ed era in corso l’approvazione di una Variante al PRG per realizzare un centro di rottamazione.

Insomma tutte cose contrarie al programma e nonostante le diffide e i ricorsi, presentati doverosamente tramite dei legali, l’amministrazione Frascarelli è rimasta insensibile ai problemi sollevati.

Gli unici a dare riscontro alle rinnovate richieste del Comitato Popolare e di tanti cittadini che avevano votato per la Lista Ambientalista sono stati i due Consiglieri Comunali del PD (Gianni Pippi e Lucio Bambini) che alla fine, dopo ben tre anni e mezzo di amministrazione incoerente, sono stati costretti, vista la situazione irrecuperabile, a presentare le dimissioni da Consiglieri Comunali.

Le dimissioni congiunte dei due consiglieri di maggioranza del PD insieme ai due della minoranza hanno così determinato la decadenza del Consiglio Comunale e l’arrivo prossimo del Commissario Prefettizio.

Il Comitato Popolare per l’Ambiente auspica che con il Commissari ritorni ordine e serietà nella gestione amministrativa che in questi ultimo anni ha speso centinaia di migliaia di euro per spese legali conseguenti ad un contenzioso infinito.

Bettona

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*