Beni comuni, il 17 manifestazione contro le privatizzazioni

marta bertoldi“Circa tre anni fa, precisamente nel giugno 2011, con un referendum vinto a larghissima maggioranza, i cittadini italiani sostennero che i beni comuni – beni essenziali alla vita delle persone e di garanzia dei diritti universali – non debbono essere sottoposti alle leggi del mercato e quindi non possono essere oggetto di privatizzazione”.

Lo sostiene Marta Bertoldi candidata alle amministrative per la Sinistra per Perugia.

“Con quel voto – continua la Bertoldi – si è messo in discussione e poi superato il motto “ il privato è bello” che in questi ultimi decenni di sfrenato liberismo economico italiano ed europeo ha dominato e continua a dominare la vita sociale e politica del nostro Paese”.

Marta Bertoldi ricorda che

“contro la nuova ondata di privatizzazioni ipotizzate dal Governo, il 17 maggio tutte le associazioni, movimenti, partiti politici ed i singoli cittadini avranno la possibilità di ritrovarsi a Roma in una grande e pacifica manifestazione nazionale, occasione di rilancio del tema sul piano nazionale ed europeo. Terre comuni, acqua pubblica, diritti di cittadinanza, i temi al centro della manifestazione del 17 maggio che si colloca all’interno della settimana di mobilitazione “solidarietà oltre i confini – costruire la democrazia dal basso” lanciata dal network Blockupy, a ridosso delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo, il cui manifesto è condiviso e sostenuto dalla lista L ‘Altra Europa di Alexis Tsipras nella corsa alla presidenza di un’Europa accogliente, solidale, che abbia cura dell’ambiente e dei beni comuni.

“Ma anche nel nostro Paese e nella nostra città – incalza Marta Bertoldi – occorre creare una nuova visione d’insieme, un nuovo progetto di Perugia che sappia sviluppare una proposta nel segno dei beni comuni e della cultura, ripensati e ricondotti all’esclusivo beneficio della comunità, contro le politiche di austerità e le privatizzazioni, in una logica di gestione della cosa pubblica partecipata e trasparente”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*