BATINO SUL TRASIMENO: «È VIETATO ABBASSARE LA GUARDIA»

La Rocca di Castiglione del Lago
La Rocca di Castiglione del Lago
La Rocca di Castiglione del Lago

(umbriajournal.com by AKR) – CASTIGLIONE DEL LAGO – «Siamo tutti felici e contenti delle buone notizie che arrivano dal Trasimeno. Il merito va sicuramente della fortissima pioggia che ha prodotto la spettacolare risalita delle acque del lago. Ora però è vietato abbassare la guardia. è urgente deliberare gli interventi di manutenzione delle sponde e del canneto, mentre appare evidente la necessità di effettuare dragaggi nelle aree di foce dei principali torrenti che in queste ultimi mesi hanno portato, insieme all’acqua, una grande quantità di terra “strappata” con l’erosione delle nostre colline». Sergio Batino, mentre prosegue la campagna elettorale per cercare di riconfermarsi il candidato del centrosinistra, frena gli entusiasmi sul Trasimeno e si fa portavoce delle preoccupazioni dei cittadini, degli imprenditori del turismo e degli agricoltori: «Deve essere completato l’allaccio alla diga di Montedoglio anche per le emergenze idriche, occorre portare avanti il progetto della diga del Chiascio che, oltre a garantire acqua potabile per i cittadini e dare sicurezza agli agricoltori di quasi tutta l’Umbria, potrebbe servire in futuro come “ciambella di salvataggio” per il Trasimeno nei periodi di siccità. Tornando al nostro lago servirà un più forte impegno da parte di Regione e Provincia, con un’attenzione costante e particolare per la pulizia delle banchine e per contenere la proliferazione di nutrie e cinghiali che grossi danni producono all’ecosistema e alle attività produttive».

Il prossimo appuntamento della campagna elettorale per le primarie è per sabato 15 febbraio a Pozzuolo dove presso il C.V.A. alle ore 17,30, Sergio Batino proseguirà il suo “cantiere del programma” raccogliendo dai cittadini opinioni, punti di vista, critiche e nuove idee da scrivere sul programma del centrosinistra per i prossimi cinque anni. «Il programma è quasi a punto – conclude Batino – ma sabato a Pozzuolo vorrei da tutti quanti un ulteriore apporto propositivo per costruire un vero “Comune dei cittadini”, con un ritrovato benessere diffuso, più solidarietà, meno burocrazia, minori costi politici e amministrativi e il rilancio dei servizi sanitari essenziali. Dobbiamo ancora di più contenere i costi delle manifestazioni culturali e ricreative ma agevolare gli investimenti infrastrutturali pubblico-privati a favore della cultura, dei musei, per l’arte e per la musica».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*