Bando Sport e periferie, Casciari (Pd): “Sette interventi finanziati in Umbria”

In Umbria con il bando Sport e periferie, promosso dal Governo e gestito dal CONI, arriveranno 909mila euro

Finanziati 7 impianti in Umbria con Sport e periferie

Bando Sport e periferie, Casciari (Pd): “Sette interventi finanziati in Umbria”

Perugia  – “Sono stati ben sette gli interventi finanziati in Umbria tramite il bando Sport e periferie, promosso dal Governo e gestito dal CONI, per un importo totale di 909mila euro”. Lo sottolinea il consigliere regionale Carla Casciari (Pd), citando l’articolo pubblicato oggi da “Il Sole 24 ore”.

“Sei interventi – prosegue Casciari – riguarderanno la rigenerazione di centri sportivi o palestre polivalenti, mentre solo uno interessa il completamento di un pattinodromo. Gli impianti pubblici sono collocati in vari Comuni dell’Umbria. Nello specifico si tratta di due strutture di calcio situate a Fontanelle di Gubbio (per un importo di 100mila euro) e a Città della Pieve (164mila euro); di due palestre polivalenti ad Amelia (60mila euro) e a Panicale (100mila euro); di due centri sportivi polivalenti a Paciano (35mila euro) e a Terni (150mila euro) e di un pattinodromo a Terni (300mila euro)”.

“A livello nazionale – sottolinea la consigliera del Pd – sono stati finanziati 192 interventi, a fronte di 1.681 domande pervenute, per un importo complessivo di 88 milioni di euro. Secondo la fotografia tracciata dal CONI si tratta di interventi urgenti e tra le richieste più frequenti ci sono i campetti di calcio, seguiti da centri e palestre polivalenti. Le risorse messe a bando sono servite, quindi, a colmare soprattutto una carenza di strutture di base. Nella sola Umbria e alla data del 31 dicembre 2013, risultavano essere circa 1.500 e spesso siti in piccoli Comuni dove rappresentano un luogo essenziale di inclusione e aggregazione. Un’analisi che ci porta a riflettere sulla necessità di trovare risposte per la manutenzione e il decoro degli impianti sportivi di proprietà di amministrazioni locali. In quest’ottica – conclude – dovrebbe essere attivato lo ‘Sport Bonus’ e auspico che se ne discuta al più presto all’Assemblea Legislativa regionale, con l’ottica di portare le nostre considerazioni sul tavolo nazionale”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*