Banda Larga Perugia, Pietrelli M5s: “Accesso ad Internet, Cittadini di serie A, di serie B e di serie C”

Mentre da un lato si assiste ad un cambiamento della pubblica amministrazione, dall'altro troppi sono ancora gli utenti senza la dovuta informazione

Banda ultralarga, definito il piano nazionale

Banda Larga Perugia, Pietrelli M5s: “Accesso ad Internet, Cittadini di serie A, di serie B e di serie C”

Il Movimento 5 Stelle nel comune perugino affronta il tema dell’accesso ad Internet, la cosiddetta “Banda larga” cablata e stabile per tutti i Cittadini e le imprese del territorio comunale, nota ancora dolente dopo anni di promesse mancate e obbiettivi non raggiunti.

Mentre da un lato si assiste ad un cambiamento, seppur lento, della pubblica amministrazione che sposta sempre più contenuti e servizi dallo sportello al computer, dall’altro troppi sono ancora gli utenti senza la dovuta informazione/formazione e, cosa ancora più grave, senza la possibilità fisica di avere un accesso alla rete stabile e ad un costo contenuto.

Il Comune di Perugia ha fatto parte di Centralcom spa e fa parte di Umbria Digitale scarl, aziende che si sono poste e si pongono l’obiettivo di realizzare l’Agenda Digitale dell’Umbria che prevede, come primo livello di copertura, la disponibilità di accessi base, 7 Mbps, per tutti i cittadini entro il 2013, nonché una copertura con rete a 30 Mbps per il 100% della popolazione e a 100 Mbps per il 50% della popolazione entro il 2020.

Oggi si assiste a condizioni paradossali per cui alcuni Cittadini possono usufruire di accessi superveloci per collegarsi ad internet ,ed altri, magari a pochi chilometri di distanza, , devono affidarsi a tecnologie precarie a volte dannose per la salute. Spiega Pietrelli Michele portavoce del m5s: “L’attuazione del Catasto Nazionale delle reti di accesso, fortemente voluto dal m5s ed inserito nel decreto “Destinazione Italia”, potrebbe essere lo strumento che permetterà di accelerare la digitalizzazione del Paese, attraverso l’ottimizzazione degli investimenti e un’ utilizzo più razionale delle risorse al fine di ridurre gli sprechi nella visione futura di una rete interamente pubblica.

Continua Pietrelli “il nostro ordine del giorno impegna il Sindaco e la giunta ad adoperarsi per l’immediata copertura delle aree del territorio comunale ancora completamente sprovviste di connessione ADSL, ad attuare i necessari interventi per garantire l’accesso al 100% della popolazione perugina almeno al primo livello di copertura di 7 Mbps, come l’Agenda Digitale Europea prevedeva entro il 2013.

Inoltre chiediamo che sia redatta una periodica e dettagliata rendicontazione sullo stato di avanzamento dei lavori del comparto pubblico e della copertura globale per quanto concerne la rete internet sul territorio comunale, anche interpellando gli operatori privati e le aziende del settore,

Esigiamo che le promesse elettorali , poi divenute linee programmatiche, siano rispettate. L’impegno che Romizi ha preso con i cittadini è questo :garantire il libero accesso alla rete ultradigitale in tutto il territorio comunale – dotare tutto il territorio comunale della tecnologia della Banda Ultralarga di ultima generazione (testualmente dalle linee programmatiche). Basterebbe fare ciò che si è detto, rimanere coerenti con quanto si promette”.

Banda Larga

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*