Attilio Solinas, Art 1 Mdp, vota contro istituzione superdirettore

si incrementa in modo inopportuno la catena dirigenziale

Attilio Solinas, Art 1 Mdp, vota contro istituzione superdirettore

Attilio Solinas, Art 1 Mdp, vota contro istituzione superdirettore

“Il voto contrario alla legge della Giunta regionale che intende riformare la struttura organizzativa e la dirigenza regionale è motivata da alcune considerazioni di merito. Innanzitutto, con questa nuova normativa si incrementa in modo inopportuno la catena dirigenziale della struttura di governo della Regione. I passaggi decisionali vengono resi più complicati e lenti. Si viene, inoltre, ad alterare l’equilibrio virtuoso di collegialità e di armonia che è sempre stato patrimonio delle strutture che fanno capo ai direttori regionali, perché si istituisce una figura di “superdirettore” con la finalità di coordinare l’azione dei direttori “semplici”, assegnando periodicamente un voto, espressione di una valutazione sul loro operato.
Non dimentichiamo poi che tale legge nasce dalla volontà politica di trovare un compromesso tra due correnti del PD.

Una soluzione pensata per risolvere un conflitto di potere interno a una forza politica non può che portare ad un’indebolimento dell’assessorato alla Sanità; un indebolimento ancora più preoccupante se coincide con il percorso di definizione del nuovo piano sanitario regionale.

La Sanità umbra mostra urgente bisogno di vedere completate le principali riforme necessarie al l’aggiornamento e alla riorganizzazione del sistema assistenziale: potenziamento dei servizi territoriali (in particolare a favore delle persone anziane con malattie croniche e delle persone con disabilità), abbattimento delle liste d’attesa, contrasto all’inappropriatezza prescrittiva, taglio degli sprechi e delle ridondanze: questi sono gli obiettivi principali da perseguire, non il riassetto delle gerarchie interne alle strutture”
Attilio Solinas
Consigliere regionale 
Coordinamento regionale Art. 1-MDP Umbria 
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*