AST-TK, Marini, “Ora impegno per piano industriale”

“Il nostro auspicio è che tutte le parti si impegnino affinché nel corso della trattativa si punti a valorizzare soprattutto un confronto che miri ad un piano industriale che guardi al futuro, alle prospettive di sviluppo e non solo alle misure per risanamento delle Acciaierie di Terni”.
E’ quanto hanno affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e l’assessore regionale allo sviluppo economico, Vincenzo Riommi, al termine della lunga trattativa che ha portato alla firma dell’accordo a Roma presso il Ministero dello sviluppo economico.

La presidente Marini e l’assessore Riommi hanno voluto rivolgere un “particolare ringraziamento” al Governo per il lavoro svolto in questi giorni e nelle ultime ore che ha visto impegnati in prima persona il Ministro dello sviluppo economico Federica Guidi, il viceministro Claudio De Vincenti ed il sottosegretario al Ministero del lavoro, Teresa Bellanova, “in una vicenda industriale che rappresenta il cuore del futuro dello sviluppo economico della nostra regione”.

“Abbiamo sottoscritto l’accordo proposto dal Governo – affermano Marini e Riommi – perché ne condividiamo i suoi contenuti, soprattutto nella parte in cui specifica l’importanza delle Acciaierie di Terni e impegna tutte le parti a ricercare un accordo che ne possa segnare la sua crescita”

Marini e Riommi hanno quindi affermato che la firma di questa mattina “rappresenta il punto di partenza di una trattativa che come Istituzioni territoriali siamo impegnati a sostenere, così come ci sentiamo impegnati a garantire quegli interventi che possono esse sostenuti dalle istituzioni territoriali, dal Governo e dal Parlamento al fine di conseguire il comune obiettivo della difesa del sito industriale Terni, strategico per la siderurgia italiana e fondamentale per l’economia nazionale e regionale.

Auspichiamo quindi che si avvii da subito un confronto di merito il cui esito potremo verificare tutti insieme nella riunione in sede ministeriale già fissata per il prossimo 29 settembre”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*