Articolo 18, Goracci, “Si ritorna al trapassato remoto…”

Orfeo Goracci

“Renzi e il suo Governo proseguono nell’opera di demolizione dei diritti acquisiti dai lavoratori. L’abolizione in toto dell’articolo 18 è libertà di licenziare discriminando le lavoratrici e i lavoratori che chiedono il riconoscimento di diritti e tutele”. Così il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro) secondo il quale si sta tornando all’idea di lavoro “classista e reazionaria, da inizio della società preindustriale: niente diritti, etica e democrazia”.

Ricorda Goracci che la legge “300/’70” (Statuto dei Lavoratori) nacque “sulla spinta delle grandi lotte operaie della fine degli anni ’60 e fu tenuta a battesimo dal ministro Giacomo Brodolini, fervente socialista che amava definirsi non ministro del lavoro, ma dei lavoratori.

E ora si pensa di abolire l’articolo 18, quello stesso di cui nel 2002 si raccoglievano le firme per estenderlo anche alle unità produttive con meno di 15 dipendenti. E il motivo – spiega il consigliere regionale – è che una sinistra già abbastanza lontana da un ideale anche moderatamente socialdemocratico e keynesiano ha finito con lo sposare i dogmi di un neoliberismo, peraltro in crisi per la recessione iniziata nel 2008.

E proprio ora che ci sarebbe bisogno di principi ideali socialisti e comunisti, la sinistra italiana e occidentale, passa invece su posizioni diametralmente opposte”. Secondo il consigliere regionale, il Governo Renzi “vuole far pagare la crisi, generata da speculatori e grande capitale, ai lavoratori, restringendo i diritti e le conquiste.

E questa è una strada ingiusta, iniqua e anche recessiva. I lavoratori – conclude – possono ancora rappresentare quell”interesse generale del Paese’. Ricostruiamo in tempi brevi un ampio fronte che riparta dalla difesa strenua dello Statuto dei lavoratori e dell’articolo 18 per garantire più diritti, più tutele, garanzia di stabilità del posto di lavoro per tutti. Per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*