ANZIANI MALTRATTATI – STUFARA (PRC-FDS): “GRAVISSIMA LA SITUAZIONE ACCERTATA NELLA CASA DI RIPOSO A TERNI”

anziani maltrattati a Terni (6)(umbriajournal.com) TERNI – “I risultati dell’indagine sulle violenze inflitte agli anziani nella casa di riposo in strada Santa Maria Maddalena di Terni, culminata nei provvedimenti restrittivi a carico del gestore e di altri operatori della struttura, testimoniano una situazione di inaudita gravità, che suscita giustamente sdegno e preoccupazione fra la popolazione”. Lo rileva il capogruppo di Rifondazione comunista – Fds in Consiglio regionale, Damiano Stufara, evidenziando che “la situazione accertata dalla Procura per mezzo della Guardia di Finanza denota una colpevole assenza di controlli sulla struttura, circostanza questa ancor più grave se si considera il fatto che era convenzionata con il Servizio sanitario regionale, a cui compete la sorveglianza sui servizi erogati da terzi per suo conto”.

Per Stufara “l’elevato livello di qualità che tradizionalmente caratterizza il sistema di assistenza sanitaria della nostra regione, che ha il suo cardine nella centralità dell’offerta pubblica di servizi, non è assolutamente compatibile con le brutalità denunciate dalle indagini. Occorre pertanto potenziare l’attività di controllo da parte della Regione e delle Aziende sanitarie locali sulle strutture ed i servizi erogati, anche per scongiurare l’eventualità che simili, intollerabili condizioni siano presenti anche altrove. Solo in questo modo – continua – si potrà ripristinare l’indispensabile fiducia della popolazione verso l’assistenza offerta e la necessaria certezza sul rispetto dei diritti e della dignità degli assistiti”. Stufara annuncia infine che nelle prossime presenterà un’interrogazione urgente alla Giunta regionale, per “chiedere delucidazioni sulla storia dei rapporti tra la struttura in questione ed il servizio sanitario regionale e per conoscere come la Regione intenderà tutelarsi rispetto ai gestori ed erogare la necessaria assistenza agli ospiti della struttura”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*