Angela Leonardi, Crea Perugia, eccessivo allarmismo sui rifiuti

La pianificazione della Regione Umbria è stata inidonea

Angela Leonardi, Crea Perugia, eccessivo allarmismo sui rifiuti

Angela Leonardi, Crea Perugia, eccessivo allarmismo sui rifiuti

PERUGIA – I disservizi nel ritiro dei rifiuti che da alcuni giorni hanno interessato i comuni della nostra Regione stanno per volgere al termine. In attesa di un accordo interregionale  per conferire nelle Marche 16 mila tonnellate di rifiuti nell’arco temporale di cinque mesi, gli stessi saranno temporaneamente smaltiti in altri impianti all’uopo autorizzati.

La Regione -afferma Leonardi- così come dispone la legge, ha il compito di pianificare lo smaltimento dei rifiuti. I  principali strumenti di programmazione regionale in tema di rifiuti sono costituiti dai piani regionali: il nostro risulta inadeguato e necessita di essere modificato e  aggiornato alle mutate esigenze.

La pianificazione della Regione Umbria è stata inidonea; quest’ultima non ha  saputo fronteggiare i problemi dovuti alla chiusura degli impianti di Pietramelina e Borgogiglione, che non sono – sottolinea Leonardi – un problema esclusivo del  comune di Perugia, come qualcuno ha pensato strumentalmente di liquidare.

Prima di creare eccessivi allarmismi e soprattutto  di accusare il Comune, ci si dovrebbe interrogare sul perché la Regione non abbia mai autorizzato Gesenu a conferire fuori regione, quando il gestore da mesi ha presentato le relative richieste.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*