AMMINISTRATIVE, PRESENTATI CANDIDATI E PROGRAMMA DI ‘PROGETTO MAGIONE’

Al centro Paolo Baldassarri
Al centro Paolo Baldassarri
Al centro Paolo Baldassarri

(umbriajournal.com) by Avi News MAGIONE – “Apportare un deciso cambiamento alla città di Magione”. È stato questo il leit motiv della serata che ha visto protagonista, in un teatro Mengoni tutto esaurito, la lista civica ‘Progetto Magione’. Sabato 3 maggio, nel centro lacustre, il candidato a sindaco Paolo Baldassari, alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio, ha presentato pubblicamente la propria squadra di candidati al consiglio comunale e il proprio programma elettorale. Sostenuta da una larga parte di rappresentanti della società civile, dal Partito socialista italiano, da tutti i partiti del centrodestra e da alcuni rappresentanti dell’area moderata di centrosinistra, la lista si compone di sei donne e dieci uomini: Carlo Bigi, Luciano Brugiati, Nicoletta Bucigni, Salvatore Buonfante, Francesco Capalbo, Eliana Gentile, Silvia Mariani, Marco Menconi, Monica Paparelli, Elisa Pietropaoli, Paolo Pigliautile, Francesco Rubeca, Alessandro Sorci, Carlo Tamburi, Lauretta Tiberi e Augusto Vasselli. “Persone splendide – ha affermato Baldassarri – che godono della mia totale fiducia. Brave, oneste, corrette, intelligenti e volenterose. Di estrazione e culture politiche diverse, età e professioni differenti, ma tutte accomunate da un solo scopo: il bene e l’interesse generale della popolazione e del territorio”. “Siamo un gruppo coeso e forte – ha detto Capalbo – che vuole crescita, sviluppo e rinnovamento”. Obiettivi questi che ‘Progetto Magione’ intende perseguire realizzando i sedici punti illustrati nel corso dell’iniziativa. Tra questi la volontà di non apportare aumenti ai tributi locali, tagliare i costi della politica e investire in ciò che si è fin qui realizzato. “Vogliamo riportare la città – ha spiegato Baldassarri – a uno stadio più elevato di benessere, riqualificando tutto ciò che è in uno stato di degrado, implementando le opere urbanistiche esistenti e recuperando ciò che è in disuso. È nostra intenzione, inoltre, potenziare la sicurezza, non intesa solamente nell’accezione di pubblica sicurezza ma di una vita decorosa e dignitosa. In una frase, riportare Magione al livello che le compete come città”. Impegno questo che Baldassarri ha preso anche in relazione al ruolo di Magione nel sistema sanitario regionale e nell’unione dei Comuni. Altri punti centrali del programma sono poi il sostegno alle giovani coppie, al mercato edilizio e l’impulso all’edilizia popolare, un sistema di protezione sociale per famiglie e cittadini in difficoltà, la promozione del lavoro e l’attenzione a sport, associazioni, scuola e formazione. Ma essenziale per tutti i candidati risulta essere la necessità di cambiare metodo di governo, realizzando un filo diretto con i cittadini, coinvolgendoli direttamente nelle scelte dell’amministrazione. “Magione – ha commentato Rubeca – ha bisogno di uno spirito nuovo. Non ci dovranno più essere cittadini di serie a e altri di serie b. Va sostenuto chi ha veramente le iniziative migliori. Il nostro impegno sarà sempre a favore dell’imprenditoria”. “Nella più vasta partecipazione e consultazione – ha sostenuto Sorci – verterà il nostro metodo di amministrare la cosa pubblica. Prima di prendere una decisione sarà nostra cura coinvolgere imprenditori, professionisti e categorie interessate”. “Ho aderito a questo progetto – ha commentato Mariani – perché prevede un cambiamento, nelle persone e nelle idee, e la città di questo ha bisogno”. “Magione – ha concluso Baldassarri – è da oltre sessanta anni governata, diretta e gestita con le stesse metodologie e idee culturali. È necessaria una svolta di marcia e direzione con gente nuova e idee innovative”.

 

Nicola Torrini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*