AMMINISTRATIVE PERUGIA, EMANUELA MORI (PD) SUL TEMA DELLA FAMIGLIA

Perugia, Mori: "l'Amministrazione ripensi a sistemazione Piazza Matteotti"
Emanuela Mori (Pd )

Emanuela Mori (Pd ) sulla famiglia

(umbriajournal.com) by Avi News – “La questione famiglia è una delle priorità di questa campagna elettorale. Sarebbe facile e scontato dire che servirebbe un dicastero, visti anche i numerosi interventi legislativi posti in campo da Regioni e Comuni in tutto il territorio nazionale, per sostenere la famiglia e valorizzarne il ruolo di cura ed educazione o per aiutare quei nuclei con maggiori difficoltà economiche. Accanto al legislatore molto si può fare, anche sul terreno dell’associazionismo, per venire incontro alle tante esigenze che deve affrontare una famiglia, a partire dai servizi all’infanzia e per anziani, consumi, studio dei figli, acquisto dell’abitazione e mutui casa, anche per giovani coppie. Una sorta di progetto famiglia con un piano che preveda interventi di supporto e sostenibilità in tutte le fasi della vita del nucleo primario”. Questa l’affermazione di Emanuela Mori, candidata al consiglio comunale di Perugia nelle liste del Partito democratico. “Da donna e da mamma so bene quello che significa far quadrare un bilancio familiare – ha detto Mori –. Potremmo mettere in campo molte iniziative per difenderci dal cosiddetto caro vita e allontanare da tutti noi gli spiacevoli effetti della crisi: potremmo promuovere attività di associazionismo privato e senza scopo di lucro, sia in direzione di servizi in campo sociale che di consumi, spingendo iniziative di solidarietà e di volontariato e gruppi di acquisto solidale o a chilometro zero per abbattere i costi. Si potrebbe fare un attento monitoraggio sulle rette degli asili per abbatterne i costi, incidere sul problema del costo dei trasporti, verificare tutti i possibili risparmi sui consumi come ad esempio quelli relativi all’energia, al gas e all’acqua. Inoltre, verificare la possibilità per i giovani di allargare l’opportunità, anche attraverso il Comune, di usufruire di wi-fi gratuita. Ascoltare ogni proposta e valorizzare, insomma, tutte quelle iniziative di solidarietà familiare come nel caso di un vero e proprio piano, promuovendo anche il mutuo aiuto tra nuclei, specialmente quelli più vulnerabili, che vivono situazioni comuni”. “Anche i candidati e quanti fanno politica – ha concluso Mori – devono sapere bene quanto costa un litro di latte o il ticket del bus. Noi donne, ad esempio, lo sappiamo molto bene”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*