Alta Velocità, Leonelli: Unità di oggi svolta necessaria a rompere l’isolamento

Quello di dare all'Umbria dei collegamenti ferroviari, sulla direttrice dell'alta velocità, finalmente all'altezza delle aspettative dei nostri concittadini deve essere uno dei punti qualificanti di questa legislatura

Il consigliere regionale Giacomo Leonelli presenta la mozione sull'alta velocità
Il consigliere regionale Giacomo Leonelli presenta la mozione sull'alta velocità

Alta Velocità, Leonelli: Unità di oggi svolta necessaria a rompere l’isolamento

“Come ho avuto più volte modo di dichiarare – spiega il consigliere regionale del Partito Democratico Giacomo Leonelli – quello di dare all’Umbria dei collegamenti ferroviari, sulla direttrice dell’alta velocità, finalmente all’altezza delle aspettative dei nostri concittadini deve essere uno dei punti qualificanti di questa legislatura e non rinviabile“.

“Proprio con questo preciso obiettivo – prosegue Leonelli – abbiamo deciso di mettere la mozione presentata da me e dai consiglieri Casciari, Guasticchi e Smacchi a disposizione dell’Aula per trovare una convergenza più ampia da parte di tutta l’Assemblea su questo fondamentale argomento”.

“Non posso quindi che accogliere con soddisfazione il fatto che gli argomenti a favore dell’arretramento dei Frecciarossa 1000 da Arezzo a Perugia verso Milano, del nuovo servizio Terni-Perugia-Milano, con transito a Spoleto, Foligno, Assisi, della fermata del treno Frecciabianca a Spoleto e del rafforzamento degli orari e del collegamento del Frecciabianca stesso sull’asse Roma-Terni siano stati condivisi da tutti”.

“E la mozione votata oggi rappresenterà un punto di partenza e un importante strumento di impegno nei confronti della Giunta regionale, che presso Governo e Trenitalia dovrà necessariamente farsi valere per ottenere ciò che tutti noi auspichiamo”.

“La centralità del rafforzamento dei collegamenti ferroviari da e per l’Umbria – ricorda Leonelli – è oggetto del piano regionale dei trasporti approvato a inizio legislatura. Sappiamo tutti che la strada verso la soluzione Frecciarossa non è in discesa, ma è evidente che serve uno sforzo corale dal punto di vista politico e, verosimilmente, rispetto anche alle risorse da mettere in campo per la realizzazione di un servizio magari non esaustivo simultaneamente di tutte le esigenze del territorio regionale, ma che potrebbe rappresentare una prima risposta alle istanze del territorio. Ribadiamo quindi che, se nella nostra mozione originaria, abbiamo deciso di concentrare i nostri sforzi sull’arretramento del Frecciarossa da Arezzo a Perugia, è perché – conclude Leonelli – questo sembra essere ad oggi più realizzabile nel breve periodo e rappresenta un punto di partenza che non preclude la possibilità di concretizzare le altre ipotesi in campo, magari più affini ad altre istanze della nostra regione”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*