Legge su Biotestamento, Gallinella e Ciprini: “Con l’approvazione in via definitiva, abbiamo rimesso al centro la dignità della persona e il suo diritto di scelta”

Vogliamo dedicare questa importante legge a tutti coloro i quali, con il loro impegno, il loro esempio e il loro sacrificio, hanno reso possibile tutto ciò

“Con l’approvazione in via definitiva della legge sul testamento biologico abbiamo rimesso al centro la dignità della persona e il suo diritto di scelta, evitando che vi possano essere disparità di trattamento, rispetto a momenti così drammatici dell’esistenza umana”.

È quanto affermano i deputati del M5S, Filippo Gallinella e Tiziana Ciprini che si dichiarano soddisfatti del risultato raggiunto, soprattutto perché “il Parlamento non ha ceduto ai soliti interessi dei partiti e delle fazioni contrapposte, ma ha mantenuto al centro l’interesse dei cittadini e la volontà della persona.

Con la norma – aggiungono i parlamentari – i pazienti avranno il diritto di rifiutare i trattamenti sanitari quali idratazione e nutrizione e il medico sarà tenuto a rispettare la volontà del paziente.

Viene anche trattato lo spinosissimo tema dei minori. Chi decide per un bambino o un ragazzo in fin di vita? La legge ci dice che il consenso informato viene espresso dalle persone che esercitano la responsabilità genitoriale, o il tutore.

Negli articoli 3 e 4 sono anche previste le Dat: chiunque sia capace di intendere e volere – aggiungono Gallinella e Ciprini – potrà pianificare quali trattamenti sanitari accettare e a quali condizioni, e dovrà indicare un fiduciario che lo rappresenti nel momento in cui non potrà più autodeterminarsi, mantenendo così viva la dignità del paziente.

La prima legge sul testamento biologico era stata depositata in Parlamento 33 anni fa ma, il mancato intervento del legislatore, ha causato per troppo tempo confusione e incertezze.

Oggi – concludono Gallinella e Ciprini – vogliamo dedicare questa importante legge a tutti coloro i quali, con il loro impegno, il loro esempio e il loro sacrificio, hanno reso possibile tutto ciò”.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*