Present Systems, Ciprini (M5S): “Chieste al Governo immediate soluzioni al fine di evitare i licenziamenti prospettati”

Sono giorni di angoscia per 33 lavoratori della sede operativa di Perugia che opera nel mercato Ict

da Tiziana Ciprini (deputata M5S e membro in commissione Lavoro)

“Sono giorni di angoscia per i lavoratori della sede operativa di Perugia della Present Systems Srl, società italiana che opera nel mercato Ict e posseduta dalla Present Spa, che ha avviato procedure di licenziamento per ben 33 dipendenti” – afferma la deputata 5Stelle, Tiziana Ciprini, che spiega: “Nel settembre di quest’anno, la società ha aperto la procedura di licenziamento collettivo, dichiarando un esubero di 60 dipendenti tra gli addetti nelle quattro sedi di Milano, Bologna, Perugia e Napoli: di questi, ben 33 sono dipendenti dell’azienda umbra.

Secondo la First Cisl Umbria, ‘le ragioni sono da ricercare, sia nella cattiva gestione del Top Management della capogruppo Present Spa, sia nella mancanza di investimenti mirati, visto che non è stata svolta alcuna azione per acquisire nuovi clienti, con nuove prospettive di lavoro e cambiamento di asset, malgrado ripetute sollecitazioni’.

A tale proposito – incalza Ciprini – ho presentato, a mia prima firma, un’interrogazione al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e al ministro dello Sviluppo Economico, al fine di convocare un tavolo di confronto tra le parti, allargato alla partecipazione della Regione Umbria e delle istituzioni locali, e poter così individuare soluzioni che possano evitare i licenziamenti prospettati dalla società, promuovendo l’elaborazione di un progetto industriale che preveda il rilancio dell’attività produttiva e la salvaguardia occupazionale dei lavoratori coinvolti attraverso nuovi investimenti e la valorizzazione delle professionalità interne all’azienda.

I licenziamenti annunciati dalla società – conclude Ciprini – andrebbero a intaccare un territorio che appare già duramente colpito dalla crisi occupazionale in atto, con immaginabili ricadute sociali ed economiche”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*