Pugno in faccia ad anziano a Perugia, Realtà Popolare. non è più tollerabile

Guai a cedere solamente un centimetro di ideologico terreno a questa delinquenza

Pugno in faccia ad anziano, Realtà Popolare. non è più tollerabile

Pugno in faccia ad anziano a Perugia, Realtà Popolare. non è più tollerabile

Giampiero Tamburi
Realtà Popolare – Segreteria Nazionale
Solo sabato scorso… …28 novembre, abbiamo finito di commemorare la morte di Loredano Maranini, causata dalla conseguenza di uno scippo finito in tragedia, per mano di individuo criminale, che oggi non possiamo fare a meno di apprendere dai giornali che, ancora una volta abbiamo sfiorato la stessa tragedia perché un ladro trovato dal proprietario ottantenne a rubare all’interno della sua vettura, lo ha scaraventato con un pugno a terra fortunatamente senza gravi danni. Ed ancora una volta siamo costretti a tollerare fatti così angoscianti che turbano la tranquillità e la sicurezza di noi cittadini.

Con la MARCIA SOCIALE, del 28 novembre, abbiamo gridato “basta” alla tolleranza di questa criminalità che, ancora, seguitiamo a chiamarla “microcriminalità” quasi a volerla esorcizzare dalle nostre coscienze perché non capaci di vedere le nostre strade libere dagli effetti nefasti provocati da criminali sociopatici che non hanno neanche il diritto di chiamarsi uomini. Perugia, certamente, non è differente da altre città che sopportano gli stessi mali ma non per questo dobbiamo chinare la testa, cambiando le nostre abitudini, le nostre esigenze ed i nostri stili di vita, come qualcuno ci suggerisce di fare.

Prendiamo pure tutte le precauzioni possibili  ma guai a cedere solamente un centimetro di ideologico terreno a questa delinquenza perché sarebbe la fine dei nostri diritti inalienabili. Questo Movimento torna a ripetere, ogni volta che ne abbiamo l’occasione, di coinvolgere, attraverso lo strumento delle Consulte, i cittadini in modo diretto e concreto e non limitarsi solo a chiedere di essere sensibili a questi problemi perché è da molto tempo che la collettività lo è e si aspetta solo passi in avanti per dire basta a tali atteggiamenti.

Perugia

Che la Pubblica Sicurezza faccia, come del resto sta facendo al massimo delle sue possibilità con notevoli risultati positivi, il suo lavoro di repressione e di controllo ma, al tempo stesso, si provveda a realizzare, da parte delle autorità cittadine e regionali, concreti atti per prevenire quello che assolutamente non dovrebbe succedere mai, dando con ciò, il buon esempio ad un Governo che, aldilà delle chiacchiere, non sa o non vuole affrontare il problema di una così enorme importanza come quello della migrazione e non sa o non vuole organizzarsi per discriminare chi chiede un giusto asilo politico da chi viene a lordare la nostra Italia con la loro delinquenza ma sa, invece, dichiararsi non responsabile di queste situazioni e scaricare, sistematicamente, la colpa sull’Unione Europea e, al tempo stesso, non essere capace di confrontarsi, in quel contesto, in maniera paritetica. Giampiero Tamburi Segretario Nazionale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*