Videosorveglianza scuole comunali, bocciato ordine del giorno di Borghesi

Borghesi: "Incomprensibile scelta del centro destra perugino"

Videosorveglianza scuole comunali, bocciato ordine del giorno di Borghesi

Videosorveglianza scuole comunali, bocciato ordine del giorno di Borghesi. Da Erika Borghesi (La Consigliera PD) – Questa mattina in occasione della commissione bilancio a Palazzo dei Priori, è stato discusso l’ordine del giorno presentato dai Consiglieri Comunali del Partito Democratico Erika Borghesi ed Alvaro Mirabassi, riguardante l’istituzione della videosorveglianza nelle scuole. “Avevo presentato questo Ordine del giorno “ – afferma la Consigliera Borghesi – “perché ritengo opportuno dotare le scuole di impianti di videosorveglianza, anche a seguito dei ripetuti furti avvenuti presso l’asilo nido “L’Orsacchiotto” di Ponte Pattoli, ben quattro dall’inizio dell’anno. Episodi purtroppo non isolati, ma che hanno interessato anche altre scuole perugine: il caso dell’Istituto “Volumnio” di Ponte San Giovanni, è significativo in quanto attraverso l’impegno di genitori, associazionismo locale e privati la scuola è stata dotata di un sistema di video sorveglianza, segno evidente che il problema è di primaria importanza e l’Amministrazione comunale dovrebbe farsene carico”.

“Con rammarico” – prosegue la Consigliera – “prendo atto della volontà da parte dei Consiglieri di maggioranza di non sostenere questa proposta, che era anche frutto di numerose sollecitazioni da parte di genitori e cittadini molto preoccupati. I furti e gli atti vandalici che vengono perpetrati all’interno dei vari istituti scolastici ma soprattutto delle scuole materne ed in particolare degli asili nido, al di là dell’ammontare della refurtiva di fatto irrisorio, vanno a violare un ambiente che deve essere invece preservato, dal momento che i fruitori sono bambini molto piccoli che vanno difesi e protetti. Inoltre, dopo il furto e gli atti vandalici, l’ambiente necessita di essere risistemato, ripulito poichè devono essere ristabilite tutte le condizioni igieniche idonee ai piccoli ospiti di queste strutture”.

“Ritengo che questi siano degli investimenti necessari e non comportano certo un costo così elevato che l’Amministrazione non possa sostenere”. “Auspico che ci sia un ripensamento da parte della maggioranza quando l’Ordine del giorno verrà affrontato dal Consiglio comunale, e che si trovi una soluzione a questo argomento molto sentito, magari coinvolgendo anche le associazioni locali ed i genitori, sul modello di Ponte San Giovanni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*