Vendita ex carcere femminile, Pd, priorità alla riqualificazione

La consigliera PD Erika Borghesi, con il collega Alvaro Mirabassi, ha presentato questa mattina una interrogazione al Sindaco e alla Giunta

La scuola di Villa Pitignano di Perugia ancora nel limbo
Erika Borghesi PD

Vendita ex carcere femminile, Pd, priorità alla riqualificazione

La consigliera PD Erika Borghesi, con il collega Alvaro Mirabassi, ha presentato questa mattina una interrogazione al Sindaco e alla Giunta per porre l’attenzione sulla messa in vendita, da parte del Demanio, dell’ex carcere femminile di Perugia.

L’interrogazione fa seguito ad un articolato ordine del giorno, dagli stessi presentato e accantonato dalla maggioranza, in cui si chiedeva di dare nuova priorità alla riqualificazione dell’ex carcere, auspicando finanche una procedura di acquisizione, sulla base dei progetti già esistenti che avrebbero garantito la coesistenza di un mix funzionale tra insediamenti di attività economiche, culturali e residenziali.

Notizia di questi giorni è invece la messa in vendita del complesso attraverso il sito “Invest in italy”, portale dedicato alla presentazione di offerte di investimento in immobili pubblici, da parte di società private o pubblico-private, destinate ad operatori italiani e stranieri.

“E’ fondamentale, alla luce di quanto riportato, capire se il Sindaco e la Giunta erano a conoscenza delle intenzioni del Ministero e come intendono procedere per far sì che il Comune di Perugia possa avere voce in capitolo almeno sulla futura destinazione del complesso visto e considerato che la scheda tecnica di dettaglio classifica la proprietà come residenziale e turistico recettiva ovvero ben lungi dall’idea di luogo di rigenerazione urbana che passa attraverso la promozione di nuove funzioni culturali e l’insediamento di attività economiche” – queste le cogenti preoccupazioni espresse dalla consigliera Erika Borghesi che così continua – “E’ plausibile pensare, inoltre, che la messa in vendita potrà essere tutt’al più attrattiva per capitali stranieri determinando l’ennesima perdita di un importante patrimonio immobiliare nonché l’ingresso nel nostro tessuto economico-sociale di sensibilità e interessi lontani dalla nostra realtà e dall’idea di città che è opportuno promuovere: il bisogno di una Amministrazione attenta, volitiva, capace di portare e difendere gli interessi della collettività e di imporre interventi sostenibili e funzionali alla valorizzazione del centro storico è, oggi più che mai, una necessità imprescindibile”.

Vendita

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*