UE, Marini a Comitato Regioni d’Europa, impegno per ricostruire fiducia dei cittadini

Tema del confronto tra i rappresentati delle Regioni e delle autorità municipali europee “una riflessione sul presente e sul futuro dell'Unione”

UE, Marini a comitato regioni d’Europa: “Impegno comune per ricostruire fiducia dei cittadini verso l’Europa”. “Tornare ad essere visionari e al tempo stesso concreti: è questa la sfida che dobbiamo lanciare, dal basso, per ricostruire la fiducia nell’Unione da parte dei cittadini e farli tornare ad essere protagonisti per  la ricostruzione di questo progetto di Europa comune”. È quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, intervenendo a Bruxelles al dibattito ospitato nell’ambito della sessione ordinaria del Comitato delle Regioni d’Europa, e introdotto dalla presidente della Commissione affari costituzionali del Parlamento Europeo, Danuta Hübner.

Tema del confronto tra i rappresentati delle Regioni e delle autorità municipali europee “una riflessione sul presente e sul futuro dell’Unione”. Per la presidente Marini più che di fronte ad una crisi delle istituzioni europee, “siamo di fronte ad una crisi della democrazia, dove i cittadini europei sono impauriti per le sfide della globalità, per una condizione sociale sempre più difficile, per la mancanza di lavoro”. “Noi, rappresentai delle Regioni e delle Municipalità di tutta Europa, per la nostra maggiore vicinanza ai problemi dei cittadini, alle loro ansie ed alle loro paure, possiamo e vogliamo essere il collante per ridare forza e vigore a quel  progetto dei padri costituenti dell’Europa. Quell’Europa della pace, della convivenza, del benessere sociale ed economico diffuso”.

Per poter raggiungere questo obiettivo, secondo Marini, non basterebbe nemmeno una riforma istituzionale: “Dobbiamo ricreare un senso di appartenenza al progetto europeo che riparta dal basso. Ogni cittadino deve sentirsi parte di un’identità più larga in cui è parte attiva per un futuro in cui crede”. Quindi la presidente Marini ha voluto citare l’industriale italiano Enzo Ferrari che di sè e del suo essere imprenditore amava dire “non sono mai stato né progettista né calcolatore. Sono sempre stato un agitatore di uomini e di talenti… Sono i sogni a far vivere l’uomo”. Probabilmente, ha proseguito Marini, molti degli operai forse non potranno mai permettersi l’acquisto di una Ferrari, “ma non per questo non si sentono, con fierezza, di appartenere a quel progetto”.

Infine, rivolgendosi direttamente alla presidente della Commissione affari istituzionali del Parlamento Hübner, Marini ha voluto ribadire come il Comitato delle Regioni d’Europa non rappresenta uno dei tanti soggetti con i quali interloquire, “ma, appunto perché organismo di rappresentanza delle comunità regionali e locali di tutta Europa, esso è un anello prezioso per un irrinunciabile lavoro comune di tutte le istituzioni per la ricostruzione della fiducia tra i nostri cittadini verso l’Europa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*