Terremoto, Leonelli e Squarta, quali azioni per promozione prodotti Valnerina

Da tutta Italia la risposta è stata convinta e solidale

Amministrative, Leonelli: "Soddisfazione per la vittoria al primo turno a Castello"

Terremoto, Leonelli e Squarta, quali azioni per promozione prodotti Valnerina. “L’appello che abbiamo lanciato, insieme a tanti esponenti del mondo politico, economico e sociale umbro per l’acquisto dei prodotti tipici delle zone colpite dal sisma, per cercare di alleviare le conseguenze negative più immediate al tessuto agroalimentare di quelle zone – spiegano i consiglieri Giacomo Leonelli del Partito Democratico e Marco Squarta di Fratelli d’Italia – ha riscontrato attenzione e successo oltre le nostre aspettative.

Da tutta Italia la risposta è stata convinta e solidale, per questo, abbiamo concordato di chiedere un’audizione in Seconda Commissione dell’Assessore allo Sviluppo economico e della dirigenza di Sviluppumbria, per sapere quali azioni si stiano studiando per dare ancora più slancio a questo genere di iniziative”. “È di tutta evidenza, infatti, – proseguono Leonelli e Squarta – che la ricostruzione dovrà procedere celermente, ma, di pari passo con quella delle unità abitative, si dovrà ripartire con le scuole e con gli altri edifici dedicati alla cittadinanza e alla socialità, così come va considerata una priorità anche la ricostruzione contestuale delle aziende e la ripresa delle attività economiche. Un rilancio produttivo che non può in alcun modo prescindere, quindi, dalla continuità aziendale delle imprese colpite dal sisma, preservandone i livelli occupazionali”.

“L’audizione in II Commissione – concludono i proponenti – dovrà inoltre avere al centro del suo interesse anche la questione della promozione turistica nella nostra regione nel suo complesso, perché sappiamo di una serie copiosa di disdette che si è registrata, purtroppo, in tutto il territorio umbro. Occorre quindi capire quali strategie voglia mettere in campo Sviluppumbria per garantire una tenuta del comparto, che in tutta la Regione occupa decine di migliaia di addetti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*