Street Art per riqualificare Perugia, approvata la proposta di Bori e Bistocchi

La street art da cultura underground e informale degli anni '80 si sta trasformando in un vettore di rigenerazione urbana

Street Art per riqualificare Perugia, approvata la proposta di Bori e Bistocchi PERUGIA – In occasione della commissione cultura riunitasi questa mattina a Palazzo dei Priori, è stato approvato quasi all’unanimità l’ordine del giorno dei Consiglieri Comunali del Partito Democratico Tommaso Bori Sarah Bistocchi sulla Street Art come strumento di riqualificazione urbana.

“La street art da cultura underground e informale degli anni ’80 si sta trasformando, negli attuali programmi istituzionali di recupero delle periferie, in un vettore di rigenerazione urbana” – dichiarano i firmatari – “Da strumento narrativo di una contro cultura in fermento ed espressione di un conflitto, generazionale e sociale, sta mutando in uno strumento di abbellimento e decoro, di riqualificazione nelle città e soprattutto nelle periferie, come dimostrano le più importanti capitali europee, quali Berlino, Madrid, fino ad alcune città indiane.”

“Con la nostra proposta chiediamo a Sindaco e Giunta di prendere in considerazione la Street Art come forma di rigenerazione urbana, sia per l’abbellimento di alcuni edifici, sia per risolvere il problema delle buche stradali e della segnaletica orizzontale, riuscendo in tal modo a risolvere il problema pratico del degrado urbano specie delle periferie, ma anche a dare alla città una caratteristica in più, rendendola innovativa e contemporanea, attraverso la forma d’arte che più ad oggi sta influenzando le maggiori capitali europee, ripartendo dall’attuazione della Delibera del Consiglio Comunale n. 104 del 31 maggio del 2010 avente ad oggetto, proprio, mozione su writing, murales e graffitismo, con il presupposto essenziale di distinguere la creatività dal vandalismo.”

“Siamo molto soddisfatti dell’approvazione dell’ordine del giorno da parte di quasi tutti i membri della commissione” – continuano i consiglieri – “e ci auguriamo che questo sia solo un primo passo verso una Perugia più Europea.”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*