Sanità, Barberini su impugnazione Legge Regionale da parte Consiglio dei Ministri

Regione valuta opportunità di costituirsi in giudizio

Furti in ospedali e strutture sanitarie, Barberini, "fenomeno grave"

Sanità, Barberini su impugnazione Legge Regionale da parte Consiglio dei Ministri. “In merito alla decisione del Consiglio dei ministri di impugnare la legge regionale n.10/2016 riguardo le norme sulla spesa per il personale sanitario e alle procedure concorsuali del personale delle aziende sanitarie regionali, la Regione Umbria, sta valutando l’opportunità di costituirsi in giudizio di fronte alla Corte costituzionale per confermare le scelte fatte”: lo rende noto l’assessore regionale alla coesione sociale e al welfare, Luca Barberini, a seguito della decisione del Consiglio dei ministri di impugnare la legge della Regione Umbria n. 10 del 17/08/2016 ‘Modificazioni ed integrazioni alla legge regionale 9 aprile 2015, n. 11 (Testo unico in materia di Sanità e Servizi sociali) e alla legge regionale 30 marzo 2015, n. 8 (Disposizioni collegate alla manovra di bilancio 2015 in materia di entrate e di spese – Modificazioni ed integrazioni di leggi regionali)”, ritenendo alcune norme in essa contenute in contrasto con alcuni principi espressi dall’art. 117 della Costituzione.

“Riteniamo opportuno – sottolinea Barberini – che una pubblica amministrazione efficiente e di qualità abbia tra i propri obiettivi la lotta al precariato e la stabilità e la qualità della vita dei lavoratori. La Regione Umbria non considera giusta la disparità di trattamento tra il personale medico e le figure tecniche che operano all’interno del servizio sanitario regionale, circa la possibilità di partecipare a selezioni riservate per la loro stabilizzazione. Per questo l’abbiamo estesa a tutte le categorie professionali che operano nella sanità pubblica e non solo ai dirigenti medici”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*