Regione: Commissione approva proposta risoluzione su carceri

Attilio Solinas, esprime “soddisfazione per l'approvazione unanime della proposta

Defr, Attilio Solinas, "Ho chiesto di inserire alcuni punti"
Attilio Solinas

Regione: Commissione approva proposta risoluzione su carceri

La Terza commissione consiliare, presieduta da Attilio Solinas, ha approvato all’unanimità la proposta di risoluzione per gli istituti penitenziari umbri, che raccoglie le istanze emerse dalle audizioni con il Garante dei detenuti e con le rappresentanze sindacali della polizia penitenziaria.

Con l’atto si impegna la Giunta regionale a “verificare l’efficienza dell’assistenza sanitaria negli istituti penitenziari a distanza di sette anni dal trasferimento al sistema sanitario regionale dell’assistenza stessa; assumere le iniziative necessarie finalizzate alla creazione di un centro clinico all’interno del penitenziario di Perugia oppure, in alternativa, alla creazione nell’ospedale di Perugia di una sezione protetta destinata esclusivamente a visite e ricoveri dei detenuti; attivare un coordinamento delle associazioni di volontariato che operano nelle strutture; potenziare la formazione culturale e professionale dei detenuti mediante corsi specifici; assumere le iniziative necessarie affinché venga potenziata la rete dei trasporti pubblici utilizzati per il raggiungimento degli istituti da parte dei visitatori”. Infine, “verificare la possibilità di utilizzare gli spazi circostanti gli istituti penitenziari per far fronte alle emergenze in caso di calamità naturali”, ipotesi suggerita dagli stessi agenti che operano nei penitenziari.

La commissione chiede l’impegno della Giunta anche nel sollecitare le autorità competenti affinché i colloqui del Garante con i detenuti avvengano “nel rispetto della riservatezza”, come prevede l’articolo 18 della legge “354/1975”; venga colmata la consistente carenza di personale della polizia penitenziaria, vengano dislocati presso un unico istituto penitenziario adeguatamente organizzato i detenuti ad ‘alta sicurezza’ e venga aumentato il livello di sicurezza nei territori circostanti gli istituti penitenziari che li accolgono. Infine, a fronte della soppressione del provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria dell’Umbria e il suo accorpamento a quello della Toscana, “venga mantenuta nel capoluogo di regione una struttura locale di carattere operativo, quale apparato di gestione territoriale dotato di pari autonomia rispetto alla Centrale operativa regionale (Cor) ubicata presso la sede dei provveditorati regionali”.

Il presidente della Terza commissione consiliare, Attilio Solinas, esprime “soddisfazione per l’approvazione unanime della proposta di risoluzione riguardante le criticità del sistema carcerario umbro, emerse nel corso delle audizioni con il Garante dei detenuti e con i rappresentanti sindacali della polizia penitenziaria. Sono state accolte – spiega Solinas – le istanze che ci sono state rappresentate e di cui informeremo l’Aula entro breve. Chiediamo l’impegno della Giunta affinché venga colmata la consistente carenza di personale della polizia penitenziaria, sia verificata l’efficienza dell’assistenza sanitaria negli istituti penitenziari e si assumano le iniziative necessarie finalizzate alla creazione di un centro clinico all’interno del penitenziario di Perugia oppure, in alternativa, alla creazione nell’ospedale di Perugia di una sezione protetta destinata esclusivamente a visite e ricoveri dei detenuti. Attenzione anche alla formazione culturale e professionale dei detenuti e alle attività delle associazioni di volontariato”.

regione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*