Politica, Carla Spagnoli: “Il Sindaco Andrea Romizi ha ragione”

Spagnoli: Invece di lavorare uniti certi consiglieri continuano a “fare i capricci”

Politica, Carla Spagnoli: "Il Sindaco Andrea Romizi ha ragione"

Politica, Carla Spagnoli: “Il Sindaco Andrea Romizi ha ragione”

da Carla Spagnoli
Finalmente il sindaco Romizi si è deciso a passare all’attacco e, con garbo e determinazione, non ha risparmiato bordate alla sinistra definita “imbarazzante”. Durante l’ultimo Consiglio Comunale il sindaco ha ricordato le «macerie» lasciate a Perugia da questa sinistra, a partire dal buco di bilancio, dalla mancata manutenzione delle strade e dalle strutture scolastiche lasciate all’abbandono. Romizi ha quindi difeso la sua giunta e il suo operato, ricordando l’abbassamento della TARI dopo anni di aumenti fatti dalla sinistra, e l’aver evitato il dissesto finanziario delle casse comunali avute in eredità dalle precedenti amministrazioni.

Il nostro plauso va ad Andrea Romizi per il suo intervento, probabilmente il migliore da quando è stato eletto sindaco! Con che coraggio la sinistra continua a parlare di risorse per le scuole, il sociale e i servizi? Con quale faccia l’opposizione cerca di scaricare su un’amministrazione in carica da due anni decenni di politiche sciagurate e di disastri fatti da loro stessi?

È assurdo che chi è stato al potere a Perugia per circa 70 anni oggi si “erga” a paladino dei perugini e del territorio… Bravo è stato Romizi a inchiodare il PD alle sue responsabilità e a chiamare in causa anche la Regione e la giunta Marini per avere equità nella ripartizione dei fondi per i trasporti.

Ancora una volta, però, siamo costretti a vedere consiglieri di maggioranza, eletti nello stesso partito di Romizi, che continuano a “remare contro” l’operato della giunta e del sindaco attraverso critiche e azioni incomprensibili!

L’ultimo “sgarbo” risale a ieri, quando la seduta della III Commissione è saltata per mancanza del numero legale: mancavano nella maggioranza i consiglieri Camicia, Fronduti e Sorcini, guarda caso tra i più critici verso la giunta… Vorremmo tanto che i consiglieri “ribelli” spiegassero il perché di questi comportamenti che non fanno altro che logorare la loro stessa maggioranza.

Invece di lavorare uniti certi consiglieri continuano a “fare i capricci” e a puntare i piedi contro il sindaco, grazie al quale sono stati eletti e hanno il loro posto da consigliere! Forse questi consiglieri chiedono altri posti…?

Politica

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*