Perugia si appresta a vivere la solennità del Corpus Domini

Ci sarà la celebrazione eucaristica in cattedrale e la processione del Santissimo Sacramento per le vie principali della città

Perugia si appresta a vivere la solennità del Corpus Domini

La comunità diocesana perugino-pievese si appresta a vivere, domenica 29 maggio, una delle solennità più importanti e partecipate dell’Anno liturgico, il Corpus Domini, che assume un significato particolare nel contesto dell’Anno Santo della Misericordia.  A commentare questo “significato particolare” è suor Roberta Vinerba, francescana diocesana e teologa: «Da sempre il desiderio del cuore dell’uomo è quello di avere il Dio vicino, che cammini al proprio fianco – spiega la religiosa –. Con l’Eucarestia Dio è andato ben oltre a questo desiderio, dimorando nel cuore dell’uomo. Eppure l’antica tradizione della festa del Corpus Domini rende visibile anche con gli occhi della fede il Signore, che ripercorre le stesse strade della quotidianità umana». «Il Santissimo Sacramento, che verrà portato lungo le vie della città – prosegue suor Roberta Vinerba –, è segno della Misericordia Divina che condivide simbolicamente e realmente le speranze e le angosce, le gioie e le tribolazioni ed è memoria efficace della storia degli uomini, che è stata già salvata e ricapitolata in Cristo, ormai la storia è storia sacra. Quell’“Io sono con voi tutti i giorni” si compie nell’Eucaristia, che è benedizione reale nella storia degli uomini. Quando il Signore passerà per le vie di Perugia realmente le santificherà come quando passava per le vie di Nazareth e di Gerusalemme».

La solennità del Corpus Domini sarà celebrata dal cardinale Gualtiero Bassetti nella cattedrale di San Lorenzo, domenica, alle ore 10, e culminerà con la tradizionale processione del Santissimo Sacramento fino alla basilica di San Domenico, con sosta e preghiera davanti alle sedi delle Istituzioni civili e politiche del capoluogo umbro, percorrendo corso Vannucci, piazza Italia, viale Indipendenza e corso Cavour. Ogni anno partecipano migliaia di fedeli con parroci, religiosi e religiose, membri degli ordini cavallereschi di Malta e del Santo Sepolcro e di diverse confraternite tra cui la Confraternita di San Jacopo di Compostella, che in questi giorni (27-29 maggio) tiene a Perugia il XXVIII “Incontro compostellano”.

Quest’anno la solennità perugina del Corpus Domini precede di alcuni giorni un evento diocesano di preghiera, di adorazione della Parola e di testimonianze voluto espressamente dal cardinale Bassetti, in calendario il 1° giugno (ore 20.45), presso il Centro congressi “A. Capitini”, dedicato al seminarista Giampiero Morettini scomparso prematuramente nell’agosto 2014 dopo una grave malattia. «La vicenda umana e spirituale di Giampiero, che sta tanto affascinando molti giovani della nostra comunità diocesana – commenta suor Roberta Vinenba –, è legata intimamente al grande amore di questo giovane all’Eucaristia e all’Adorazione eucaristica». Suor Vinerba, su mandato del cardinale Bassetti, ha curato e dato alle stampe una biografia dedicata al giovane seminarista dal titolo: “Con lui Dio non si era sbagliato”. Giampiero Morettini (Ed. Paoline), che sarà presentata dallo stesso porporato all’incontro del prossimo 1° giugno.

Corpus Domini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*