Perugia, a Palazzo Cesaroni il convegno Calcio e Legalità VIDEO

Hanno partecipano all'iniziativa anche Tullio Del Sette, Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Claudio Lotito presidente Società Sportiva Lazio, Massimiliano Santopadre presidente Perugia Calcio.

Perugia, a Palazzo Cesaroni il convegno Calcio e Legalità

Perugia, a Palazzo Cesaroni il convegno Calcio e Legalità Si è svolto ieri pomeriggio nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni, a Perugia, il convegno “Calcio e Legalità. Una scelta per la sicurezza e per la prevenzione delle infiltrazioni della criminalità organizzata”, organizzato e promosso dall’Assemblea legislativa dell’Umbria.

Introducendo i lavori, la presidente DONATELLA PORZI ha spiegato che “come Assemblea legislativa abbiamo organizzato questo convegno per ribadire un impegno che sta caratterizzando l’attività della presidenza nell’attuale legislatura: contribuire a diffondere la cultura della legalità in tutti gli ambiti della vita pubblica. L’impegno dell’intera Assemblea l’abbiamo visto attraverso l’istituzione della Commissione d’inchiesta sulla criminalità organizzata, peraltro già presente nelle passate legislature. Il calcio è uno sport meraviglioso che fa innamorare tanti giovani e sognare tante generazioni, ma che rappresenta un ambito appetibile per gli affari malavitosi. Per preservarlo dai tanti tentacoli che rischiano di avvilupparlo crediamo sia necessario lavorare sulla sensibilizzazione: il mondo istituzionale, quello dello calcio e del volontariato che gli gira intorno, devono trovare la giusta sintesi e collaborazione per far tornare questo sport a vivere i valori sui quali si fonda e che possono contribuire a formare le giovani generazioni. La presenza oggi delle società professionistiche è importante perché a loro spetta il compito di fungere da modelli e da esempi, così da trainare dietro un ondata di positività. E questo è l’elemento che ci dovrebbe spingere a tenere insieme un mondo che a volte rischia di essere incrinato”.

Il Sottosegretario di Stato all’Interno, GIANPIERO BOCCI, ha centrato il suo intervento sul recente protocollo sottoscritto dal Ministero dell’Interno e dalla Federazione gioco calcio per prevenire i rischi di infiltrazioni nelle società di calcio professionistiche: “Il presidente Tavecchio – ha detto Bocci – ha ricordato che l’idea di arrivare a un patto vero e proprio c’è stato con le vicende legate all’acquisto della società del Parma. Si tratta di un protocollo che da un lato tutela le società di calcio e si sofferma molto sul concetto di legalità del calcio. Poi c’è l’altra parte, che si occupa di sicurezza degli stadi. Sicurezza negli stadi e prevenzione dai rischi di infiltrazioni di organizzazioni criminali sono due facce della stessa medaglia, che servono per restituire al nostro Paese un calcio bello e pulito. L’obiettivo è riportare finalmente le famiglie negli stadi, che oggi presentano troppi spazi vuoti a differenza di altri Paesi. C’è la necessità di rimettere un pò di ordine, di mettere in campo strumenti di garanzia. Oggi calcio e legalità sono due cose che camminano insieme”.

LUCA PALAMARA, magistrato e membro del Consiglio Superiore della Magistratura, ha sottolineato che appuntamenti come questo servono per “parlare del rispetto delle regole nel mondo dello sport. Purtroppo questo negli ultimi anni spesso non è avvenuto e ha portato anche a un intervento della magistratura in questo ambito. Credo sia quantomai fondamentale agire sul versante della prevenzione perché il fondamento dello sport deve basarsi non solo sul rispetto, che è fondamentale, ma soprattutto sul rispetto delle regole per evitare che quei fatti che riguardano la società civile non possano trasportarsi anche sul mondo dello sport”.

Hanno partecipano all’iniziativa anche Tullio Del Sette, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Claudio Lotito presidente Società Sportiva Lazio, Massimiliano Santopadre presidente Perugia Calcio.

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*