Norcia “dietro le quinte” è una proposta di Claudio Ricci

Un piano di marketing operativo per la definizione e promozione del prodotto turistico "Valnerina 2.0"

Norcia "dietro le quinte" è una proposta di Claudio Ricci

Norcia “dietro le quinte” è una proposta di Claudio Ricci PERUGIA – Claudio Ricci (consigliere regionale dell’Umbria) propone il prodotto turistico Norcia “dietro le quinte”: visita ai cantieri, dei beni culturali, post sisma 2016. Norcia, Cascia e l’area della Valnerina dovranno, nel medio periodo coincidente con la ricostruzione post sisma 2016 (5/10 anni), ridefinire un “prodotto turistico” attrattivo e che sappia convivere con i cantieri della ricostruzione di case, attività e beni culturali. Con una ricettività in strutture “sicure” (sin anche “villaggi turistici temporanei”) può esistere un “segmento turistico” interessato a visitare i luoghi di Norcia, Cascia e la Valnerina per vedere (e, in parte, visitare) i cantieri della ricostruzione dei beni culturali.

Claudio Ricci sollecita (con una “mozione”, in Consiglio Regionale, che presenterà nei prossimi giorni) l’elaborazione di una proposta, coinvolgendo le categorie socio economiche correlate al turismo della Valnerina e dell’Umbria, per definire un prodotto turistico Norcia “dietro le quinte”, coinvolgendo anche Cascia e la Valnerina, che includa la visita nei luoghi della ricostruzione post sisma 2016 (in particolare nei cantieri della ricostruzione dei beni culturali), esperienze emozionali, anche paesaggistico sportive, includenti le tradizioni e le identità eno gastronomiche nonché l’ospitalità ricettiva in strutture turistiche “sicure” o “villaggi turistici provvisori” (nella pianura di Norcia e con strutture, prefabbricate di alta qualità, solo con piano terra). Inoltre si propone di inserire, nel redigendo testo unico in materia di turismo, uno specifico articolo che prospetti, durante le fasi di ricostruzione e post ricostruzione, un piano di marketing operativo per la definizione e promozione del prodotto turistico “Valnerina 2.0”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*