Moschea Umbertide, mozione non discussa, è colpa della minoranza

Gianfranco Chiacchieroni che replica alle dichiarazioni dell'esponente del Carroccio umbro

Bilancio approvato, Chiacchieroni, garantire la massima efficienza

Moschea Umbertide, mozione non discussa, è colpa della minoranza. “La seduta dell’Assemblea legislativa di martedì 12 luglio si è forzatamente chiusa alle 18.06 perché i consiglieri di opposizione hanno abbandonato l’Aula facendo mancare il numero legale, impedendo così la discussione degli altri atti all’ordine del giorno.

Il consigliere regionale della Lega Nord, Valerio Mancini, nonché vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, oggi su alcuni mezzi di informazione ne fa invece una descrizione di mera fantasia, affermando che l’assise è stata chiusa per mancanza dei consiglieri del PD”. Così il capogruppo regionale del PD, Gianfranco Chiacchieroni che replica alle dichiarazioni dell’esponente del Carroccio umbro il quale intervenendo sulle questioni relative alla realizzazione della moschea di Umbertide, imputava ai Democratici la responsabilità del rinvio della discussione di una sua mozione sull’argomento, iscritta all’ordine del giorno di seduta.

“Il collega Mancini – spiega Chiacchieroni – si lascia andare a ricostruzioni fantastiche e menzognere e a sostegno della sua ridicola e paraideologica tesi secondo la quale, parole sue: ‘a questo PD piace islamizzare la regione’, inventa la balla di una nostra assenza ‘strategica’.

In realtà i fatti sono andati in tutt’altro modo – ricorda il capogruppo PD – come è desumibile dal resoconto stenografico della seduta e dalla registrazione video visionabile sulla pagina istituzionale di youtube. Poco prima della fine ‘forzata’ della seduta’ – spiega – era in discussione un atto amministrativo sul quale era stato richiesto il rinvio ad altra seduta da parte di un consigliere, proposta messa ai voti e bocciata con 8 no della maggioranza e 7 sì dell’opposizione. A questo punto la presidente Porzi mette ai voti l’atto in discussione e la minoranza, Mancini compreso, esce dall’Aula, impedendo così la votazione dell’atto in questione e la prosecuzione dell’ordine del giorno che prevedeva anche la mozione della Lega Nord sulla moschea di Umbertide. Mancini – conclude Chiacchieroni – imputa quindi ad altri responsabilità che sono esclusivamente sue e dei suoi colleghi dell’opposizione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*