Primi d'Italia

Leonelli (Pd): Su Nestlè Perugina necessario un chiarimento urgente

“Da giorni sugli organi di stampa si rincorrono notizie sempre più preoccupanti sulla situazione occupazionale dello stabilimento di San Sisto. È ormai necessario che la comunità umbra sia messa a conoscenza di quale sia il reale stato dell'arte della vicenda"

Giacomo Leonelli chiede chiarezza sulla situazione occupazionale dello stabilimento di San Sisto della Nestlè Perugina
Giacomo Leonelli chiede chiarezza sulla vertenza dei lavoratori umbri della GSL Corriere espresso

Leonelli (Pd): Su Nestlè Perugina necessario un chiarimento urgente

“Da giorni sugli organi di stampa si rincorrono notizie sempre più preoccupanti sulla situazione occupazionale dello stabilimento di San Sisto della Nestlè Perugina. È ormai necessario che quanto prima si faccia un punto della situazione e la comunità umbra sia messa a conoscenza di quale sia il reale stato dell’arte della vicenda”.

Così il Consigliere regionale del Partito Democratico Giacomo Leonelli, che prosegue: “Già nel corso della settimana passata, quando si sono avuti i primi annunci di esuberi di personale per lo stabilimento di San Sisto da parte di Nestlè Perugina, ho presentato una interrogazione alla Giunta regionale per sapere lo stato delle cose e quali azioni verranno intraprese per tutelare i livelli occupazionali attuali nello stabilimento di San Sisto e, conseguentemente, rispettare l’accordo intercorso tra i sindacati e Azienda nell’aprile dello scorso anno. Vista la situazione ho chiesto che l’interrogazione venga trattata con urgenza nella prima data possibile in Seconda Commissione”.

“Ricordo infatti che nel 2016 Nestlè ha presentato a Regione Umbria, Comune di Perugia e alle sigle sindacali il proprio piano industriale, diventato operativo con la firma dell’accordo tra azienda e organizzazioni sindacali 7 aprile dell’anno scorso”.

“L’accordo prevedeva un investimento di 60milioni di euro nei successivi tre anni, destinati all’innovazione tecnologica di macchinari e strutture (15 milioni) e politiche di marketing di marchi e prodotti legati al cioccolato (45 milioni). Lo stesso piano – aggiunge – prevedeva anche la dismissione della produzione di alcuni marchi tra i quali ‘Ore Liete’ e ‘Rossana ‘senza però ricorrere, su questo, ad esuberi di personale e a decisioni unilaterali dell’azienda per tutta la durata del piano, quindi almeno fino al 2018, seppur fosse già chiaro la necessità di dover ricorrere agli ammortizzatori sociali. Tale accordo era stato ratificato a larga maggioranza anche dai lavoratori”.

“A fine luglio 2016 – scrive Leonelli nell’interrogazione – veniva presentato dall’Azienda anche il piano di marketing, che prevedeva un forte rilancio del marchio Perugina, legato al valore aggiunto del territorio e del made in Italy. Il rilancio dell’azienda ha portato risultati positivi tanto da arrivare ad un più 44% di vendite all’estero per quanto riguarda il bacio e le tavolette. Ma tali maggiori vendite non si traducono, secondo i sindacati, in un conseguente aumento produttivo, anzi la Nestlé Perugina avrebbe presentato unilateralmente, ad inizio maggio, un progetto di riassetto organizzativo degli organici che prevederebbe oltre 300 esuberi”.

“Poiché ogni giorno che passa – conclude Leonelli – questa cifra pare lievitare, occorre fare chiarezza e portare a conoscenza dell’opinione pubblica quale sia la reale situazione dello stabilimento di San Sisto”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*