Figuratevi di essere bambini, presentato il programma della trentesima edizione

Una trentesima edizione più ricca che mai, quella che prenderà il via la prossima settimana

Figuratevi di essere bambini, presentato il programma della trentesima edizione

Figuratevi di essere bambini, presentato il programma della trentesima edizione

PERUGIA – Una trentesima edizione più ricca che mai, quella che prenderà il via la prossima settimana. Il Festival delle Figure animate Figuratevi… di essere bambini festeggia questo importante traguardo con un programma ancora più ricco del solito, che è stato presentato questa mattina a Palazzo dei Priori dal Direttore artistico del Festival Mario Mirabassi, alla presenza dell’Assessore alle Politiche per l’Infanzia e l’adolescenza del Comune Dramane Wagué, del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione dell’Umbria Maria Pia Serlupini e della Presidente Unicef Comitato provinciale Perugia e regionale Iva Catarinelli, oltre che dei numerosi partner dell’evento.

GLI INTERVENTI – “Per questa trentesima edizione –ha esordito Mario Mirabassi- abbiamo voluto elaborare un programma particolare, che peraltro è già iniziato da giugno con una sorta di anteprima per tutta l’estate, con laboratori creativi e spettacoli nella nuova Arena di Borgobello adiacente alla sede di Tieffeu.”

Un ringraziamento speciale Mirabassi lo ha quindi voluto rivolgere a tutti quei soggetti, associazioni e privati, ma anche istituzioni che in questi trent’anni hanno partecipato al festival. “Si tratta di soggetti –ha detto- che sono tanto importanti per il territorio, per lo sviluppo educativo dei nostri bambini e, per i quali, Figuratevi rappresenta un’occasione di visibilità e la tappa di un percorso che dura tutto l’anno.” Mirabassi ha, quindi, annunciato una kermesse rinnovata per il 2018: “Stiamo già lavorando ad una formula più incisiva per il prossimo anno –ha concluso- perché dopo trent’anni di crescita è arrivato il momento di un rinnovamento, anche in collaborazione con altri soggetti, per continuare a migliorarci sempre.”

Un miglioramento che anche il Comune di Perugia, per bocca dell’Assessore Wagué, si è detto pronto a sostenere sempre più convintamente. “I temi affrontati da Figuratevi sono sempre attuali ed importanti e il percorso fatto in questi trent’anni lo dimostra. Il Comune e il Sindaco in particolare crede e sostiene questo evento in un’ottica di crescita e miglioramento continuo.”

Di Cultura dei diritti dei bambini e dei ragazzi ha parlato il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza dell’Umbria. “Troppo spesso –ha detto Maria Pia Serlupini- ne parliamo, siamo tutti pronti ad affermare questi diritti, ma poi non lo facciamo. Figuratevi è la manifestazione che da trent’anni ci fa riflettere sul rispetto dell’essere bambini e ragazzi.” Una cultura da condividere a cui ha richiamato anche la Presidente Unicef Perugia e Umbria Catarinelli, che ha ricordato come la convenzione Onu per i diritti dei più piccoli sia tutt’altro che superata.

IL PROGRAMMA – Si parte, dunque, giovedì 24, nel pomeriggio a partire dalle 17,00, con spettacoli e animazioni realizzati da compagnie italiane e straniere, nel cuore del Centro storico, lungo Corso Vannucci. Venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 si prosegue nell’area verde di Pian di Massiano, dove, come ormai tradizione, trovano spazio non solo spettacoli, ma anche un gran numero di attività per l’infanzia, laboratoriali, ludiche e creative, formative e di animazione o comunicazione sociale.

Nel pomeriggio, dunque, dopo le 17,00 si svolgeranno spettacoli di teatro di figura, ideati e portati in scena da prestigiose compagnie italiane e internazionali. Si terranno momenti di letture animate a cura delle Biblioteche comunali, dell’associazione Nati per leggere, del Circolo LaAV di Perugia e di Microteatro (ore 18,00-20,00). Dalle 16,30 alle 19,30 sarà un succedersi di laboratori espressivi per i più piccoli, dalla musica alle arti visive, dalla danza alla realizzazione di burattini e giocattoli, fino alle arti circensi. Non mancheranno neanche l’origami, i fumetti, le scienze e lo sport in tutte le sue declinazioni.

Figuratevi sarà anche l’occasione per parlare di diritti, amicizia e pace, grazie alla collaborazione con il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della regione, l’Unicef comitato provinciale di Perugia, la Tavola della Pace e il Centro internazionale per la Pace fra i popoli di Assisi, Amnesty International e la Coop. Sociale Auriga; per favorire lo scambio di culture, con attività linguistiche e di conoscenza (in collaborazione con l’ass. Français d’Ombrie e l’Acli Perugia).

Spazio anche a Ambiente e Natura, insieme ad Arpa Umbria, Legambiente e numerose associazioni del territorio, agli amici Animali, nell’ambito del progetto Randagiamo e con il contributo di LAV, Sportello a 4 zampe e associazioni, a Salute e corretti stili di vita, a cura di Usl Umbria1 e Avis.

Altro tema che farà da fil rouge alle numerose attività in programma sarà la sicurezza stradale, in collaborazione con la Polizia Municipale di Perugia, la Croce Rossa Italiana, comitato di Perugia, la Protezione civile gruppo comunale Perusia, l’Associazione nazionale Vigili del Fuoco e il Motoincontro Fabio Celaia. Quest’ultimo ha, peraltro, organizzato nella mattina di domenica anche un mini volo in mongolfiera, in occasione del tradizionale Motoraduno finalizzato alla raccolta fondi per l’acquisto di un nuovo guard-rail.

Infine, spazio agli antichi saperi, con l’esposizione e laboratori di oggetti realizzati a mano, a cura del coordinamento dei Centri socio culturali del Comune di Perugia. Immancabile il mercatino autogestito dai ragazzi, che, come ormai tradizione propongono –in vendita o baratto- giochi e oggetti vari e che, nelle ultime due edizioni è in continua crescita.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*