Dissesti idrogeologici, quasi due milioni di euro per quattro comuni umbri

Smacchi: “Le risorse stanziate siano un punto di partenza”

Dissesti idrogeologici, quasi due milioni di euro per quattro comuni umbri

Dissesti idrogeologici, quasi due milioni di euro per quattro comuni umbri

La Giunta regionale, nella sua ultima seduta, ha approvato, su proposta della presidente Catiuscia Marini, la delibera con la quale si rendono disponibili 1.980.000 euro da destinare ad interventi su alcuni dissesti idrogeologici. A beneficiare di questi finanziamenti saranno quattro comuni della regione, ovvero Sant’Anatolia di Narco (1.000.000 di euro per la mitigazione del rischio idrogeologico della frana che ha interessato la Strada Provinciale 471, Km 10+450 – Km 12+700), Spoleto (200.000 euro da destinare alla riduzione del rischio crolli in località Giro dei condotti), Gualdo Cattaneo (700.000 euro per la mitigazione del rischio idrogeologico da frana) e Massa Martana (80.000 euro per la mitigazione del rischio idrogeologico della frana della Rupe). “In questo modo – ha affermato la presidente Marini – oltre a completare e portare a termine quegli interventi, quali la riduzione del rischio idrogeologico da frana e della riduzione del rischio di crolli, sarà possibile anche fare attività di prevenzione attraverso la programmazione, il monitoraggio, la sicurezza e la progettazione”.

“Due milioni di euro per il dissesto idrogeologico sono un segnale importante per l’attenzione al territorio, da prendere però come un punto di partenza, perché le situazioni di criticità nella regione sono molteplici”. Così il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) commenta lo stanziamento di quasi due milioni di euro approvato dalla Giunta regionale per il consolidamento idrogeologico in quattro comuni della regione. “La Giunta – spiega Smacchi – nella sua ultima seduta ha reso disponibili 1.980.000 euro per quattro comuni. A beneficiarne saranno Sant’Anatolia di Narco, Spoleto, Gualdo Cattaneo e Massa Martana. Per il primo di questi comuni si interverrà sulla frana che ha interessato la Strada Provinciale 471, con un milione di euro. Per Spoleto 200mila euro per il consolidamento in località Giro dei condotti, 700mila euro per Gualdo Cattaneo e 80mila euro per massa Martana e il consolidamento della frana della Rupe”. “Misure importanti – dice Smacchi – che vanno incontro a situazioni anche gravi come quella di Sant’Anatolia. Non possiamo però certo fermarci qui e, in attuazione all’impegno preso con il Documento di economia e finanza regionale, dobbiamo andare avanti e prevedere un impegno straordinario per la gestione dei nostri territori. Non possiamo pensare di intervenire solo in fase di emergenza ma dobbiamo attivare politiche di prevenzione legate alla manutenzione del territorio”.

Dissesti idrogeologici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*