Comitato del No a Perugia, “Una Costituzione da conservare o modificare?”

Una riforma votata da una minoranza limitata, priva di legittimazione costituzionale

Comitato del No a Perugia, “Una Costituzione da conservare o modificare?” Ieri si è tenuto, grande affluenza di pubblico, l’incontro organizzato dal Comitato del No a Perugia, a Palazzo Cesaroni: “Una Costituzione da conservare o modificare?”. E’ stato organizzato dal Comitato del No alla Riforma costituzionale, relatori l’Avv. Salvatore Sfrecola, già Presidente di Sezione della Corte dei Conti e il Dott. Daniele Cenci, Consigliere della Corte di Cassazione.

Punto centrale degli interventi sono state le conseguenze negative della riforma costituzionale sul tessuto democratico del Paese e la mancanza dei requisiti essenziali per la legge “fondamentale”, cioè essere leggibile e destinata a durare nel tempo.

Una riforma votata da una minoranza limitata, priva di legittimazione costituzionale, ha sottolineato Sfrecola, con derive di altrettanto dubbia costituzionalità nel combinato con la legge elettorale, ha ribadito Cenci, che ha ripercorso le vicende della impugnazione davanti alla Corte Costituzionale con dotte argomentazioni. Forti critiche al testo proposto per il nuovo assetto delle Camere, le procedure legislative e la disciplina dei rapporti Stato – Regioni.

Molte anche le critiche sul cosidetto “nuovo senato”: da un lato non è credibile che i sindaci e i consiglieri regionali che andranno a comporlo non saranno un costo in più per la collettività, dall’altro un consigliere e un sindaco devono svolgere il ruolo per cui sono eletti e non fare due cose in una. Il sistema di elezione non incontra alcun favore, perché toglie sovranità e la possibilità di eleggere i propri rappresentanti.

Dal pubblico i temi della mancanza di prospettive e struttura democratica sono state ripresi nei numerosi interventi: Giulio Villani, (comitato difendiamo i nostri figli), Luigi Pecchioli, (Alternativa per l’Italia), Avv. Carlo Pacelli, Renzo Baldoni, Avv. Federico Mazzi, Avv.Andrea Pilati per Forza Italia , Avv. Giuseppe Pennino, (5 stelle), Avv. Siro Centofanti, Comitati socialisti. Il saluto è stato portato dal l’on Catia Polidori, Coordinatore di Forza Italia. I lavori sono stati coordinati da Fiammetta Modena. Tutti gli interventi sono stati per un NO argomentato e consapevole.

Presenti in sala il sindaco Andrea Romizi, il vice Urbano Barelli, l’assessore Cristina Bertinelli, I consiglieri regionali Raffaele Nevi, FI, Valerio Mancini, Lega Vicepresidente del Consiglio regionale, Sergio De Vincenti, (Ricci per l’Umbria), molti consiglieri comunali Angela Leonardi, Fronduti, Riccardi Meloni, Bernardini, provenienti da tutte le parti dell’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*