Bilancio 2016, Nevi (FI), legge di stabilità inadeguata

Lo dichiara *Raffaele Nevi*, capogruppo di Forza Italia all'Assemblea legislativa dell'Umbria, facendo riferimento ai lavori odierni dell'Aula di Palazzo Cesaroni.

Vicenda Gesenu, Nevi su nota della Pimponi del PD

Bilancio 2016, Nevi (FI), legge di stabilità inadeguata

“Grazie al contributo delle forze del centro destra e delle liste civiche è stato possibile introdurre alcuni interventi mirati su un Legge di stabilità regionale che nel suo complesso riteniamo inadeguata per le sfide che attendono l’Umbria”. Lo dichiara *Raffaele Nevi*, capogruppo di Forza Italia all’Assemblea legislativa dell’Umbria, facendo riferimento ai lavori odierni dell’Aula di Palazzo Cesaroni.

Nevi evidenzia che “è stato tuttavia possibile destinare ulteriori risorse per il finanziamento dell’edilizia residenziale sociale e per la promozione e lo sviluppo delle attività sportive spostandoli dagli organi istituzionali.

Con queste misure vi sarà un incremento di un milione di euro per l’acquisto della prima casa per le giovani coppie e 200 mila euro per la promozione e lo sviluppo delle attività sportive, settore che sarebbe stato colpito duramente se fosse passato l’emendamento di una parte del PD. Restano tuttavia molti aspetti di questa Legge sui quali la maggioranza ha adottato altre scelte come ad esempio la bocciatura del nostro emendamento per destinare i maggiori introiti che derivano dall’aumento dei canoni idroelettrici (un triste primato nel panorama italiano di cui si vanta la Giunta Regionale) a finanziare progetti innovativi finalizzati all’innalzamento della qualità dell’aria e dell’acqua e alla riduzione degli inquinanti”.

Nevi sottolinea che si tratta di “fondi che sarebbero stati certamente utili anche a fronteggiare la situazione degli inquinanti nell’area di Terni e per i quali da anni chiediamo che la Regione insieme al Comune, le fondazioni bancarie, il Governo e l’Unione europea possa metter in campo un vero piano per l’innalzamento della qualità dell’aria. Respinti infine i nostri emendamenti per stanziare ulteriori risorse, 100 mila euro, per il commercio spostandoli dall’Agenzia Umbria Ricerche, altri 100 mila da destinare all’abbattimento delle barriere architettoniche, che sarebbero stati prelevati dalla voce risorse umane”.

Bilancio 2016

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*