Siglato memorandum intesa tra Regione Umbria e Stato di Washington [FOTO e VIDEO]

Verso forte cooperazione economica e culturale

Siglato memorandum intesa tra Regione Umbria e Stato di Washington

Siglato memorandum intesa tra Regione Umbria e Stato di Washington

PERUGIA – Regione Umbria e Stato di Washington verso una forte cooperazione economica e culturale, con particolare riferimento al settore dell’aerospazio ed alle questioni legate ai cambiamenti climatici. È quanto si prefigge il protocollo d’intesa che hanno sottoscritto oggi a Perugia il Governatore dello Stato di Washington (USA), Jay Inslee, e la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, alla presenza – tra gli altri – della presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi, del Prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, e dell’assessore del Comune di Perugia, Michele Fioroni.

“Ho apprezzato moltissimo – ha affermato il Governatore Inslee – l’opportunità di una cooperazione economica e culturale che ci offre la Regione Umbria, con la firma di questo ‘memorandum’, in settori molto significativi per la nostra economia, ma anche per tutti i cittadini del nostro Stato, ed in particolare i giovani. Sono certo che potremo, insieme, svolgere un buon lavoro per la crescita economica e culturale delle nostre rispettive comunità”.

Il Governatore ha quindi fatto riferimento alle caratteristiche economiche dello Stato di Washington, dove è particolarmente importante l’industria aerospaziale (nel pomeriggio tutta la delegazione americana si recherà a Foligno per una visita alle aziende del distretto regionale dell’aerospazio, n.d.r.). Altrettanto significativa potrà essere anche la collaborazione per la ricerca e l’innovazione, grazie alla presenza nello stato americano di importantissime realtà industriali a partire dalla Apple, e nelle politiche ambientali.

“Questa firma – ha detto la presidente Marini – rappresenta una considerevole opportunità per l’Umbria. Grazie a questo protocollo potremo stabilire relazioni in settori molto significativi sia dell’economia umbra, come è quello dell’industria aeronautica ed aerospaziale, sia della sua vita culturale e per l’incremento del turismo. Una grande occasione per assistere il nostro sistema economico, quindi, nell’ottica di una forte sostegno per la crescita economica, per la ricerca scientifica e per l’innovazione”.

Ora puoi cliccare per vedereIl video dell'incontro e intervista

Il protocollo d’intesa prevede, infatti, che la Regione Umbria e lo Stato di Washington collaborino nelle seguenti aree: Impegno comune nei settori commerciali, industriali e tecnologici; sviluppo di progetti di cooperazione, inclusi sviluppo economico e crescita, tecnologia e ricerca e sviluppo (R&S) nei seguenti settori:

Aerospazio, attraverso lo sviluppo della collaborazione tra le rispettive industrie aeronautiche e settori connessi, potendo contare e sfruttare le capacità e le competenze presenti e disponibili tra le risorse umane e materiali presenti e operanti da entrambe le parti;
Energia e fonti energetiche alternative, attraverso la promozione della cooperazione e l’implementazione di progetti congiunti di ricerca e innovazione sulle tecnologie di produzione e distribuzione di energie pulite, e lo sviluppo di energie rinnovabili e dei processi di stoccaggio di energia;
-Cambiamenti climatici, attraverso la promozione della cooperazione e progetti congiunti di ricerca e innovazione per la mitigazione degli effetti e le necessità di adattamento dovuti ai cambiamenti climatici in corso;
-Commercio e investimenti commerciali, incoraggiando lo sviluppo dei settori economici e degli scambi commerciali che coinvolgano entrambe le Parti;
-Settori culturali e creativi, attraverso accordi di cooperazione e progetti congiunti tra governi e autorità amministrative locali, agenzie, organizzazioni non governative, università, centri di ricerca;
Infine, le parti si impegnano per la promozione dello scambio culturale e formativo attraverso lo scambio di talenti, ricercatori, studiosi ed esperti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*