Unipegaso

Pieno successo della Staffetta del cuore con i bambini affetti da diabete 

Giovani atleti e loro familiari hanno trascorso un pomeriggio  a contatto con i medici della struttura di Pediatria

Pieno successo della Staffetta del cuore con i bambini affetti da diabete 

Pieno successo della Staffetta del cuore con i bambini affetti da diabete

PERUGIA – Applausi e commozione quando Plinio, il bambino affetto da diabete in sella alla bicicletta ha tagliato il traguardo della Staffetta del cuore, che ha fatto tappa a Perugia, per proseguire verso Firenze. Con la mascotte della iniziativa, la cui storia è stata raccontata in un libro dal padre  Jacopo Ortolani, presidente di Weloveinsulina.

Alcuni componenti l’associazione di  genitori umbri di bambini diabetici hanno partecipato all’ultimo tratto della staffetta , 15 giovani umbri che sono stati incoraggiati dal presidente Enrico Piano e dal coordinatore Massimo Cipolli fino all’arrivo sul piazzale del Polo Unico Osoedaliero. In virtù della eccellente riuscita della manifestazione, gli organizzatori si sono impegnati ad inserire Perugia come punto strategico per altre manifestazioni sportive.

“Siamo soddisfatti della decisione presa, il nostro impegno è stato apprezzato e contiamo in una partecipazione ancora più allargata per la prossima staffetta “, ha detto Piano.
Giovani atleti e loro familiari hanno trascorso un pomeriggio  a contatto con i medici della struttura di Pediatria del S.Maria della Misericordia presenti con la prof.ssa Susanna Esposito e la responsabile del centro di riferimento regionale del diabete pediatrico dott.ssa Mariagiulia Berioli.
A sottolineare la necessità di rafforzare l’intesa tra Associazioni di volontariato e Istituzioni, l’assessore alla Sanità Luca Barberini, intervento alla manifestazione. L’attenzione per il problema diabete deve essere sempre alta con azioni da mettere in campo incisive -ha sottolineato-, l’obbiettivo è quello di rafforzare i percorsi assistenziali e puntare, con l’aiuto della scuola a far crescere la cultura di corretti stili di vita”.
Dopo la manifestazione sportiva nelle aule universitarie si è svolto un incontro tra medici e rappresentanti delle associazioni.Sono intervenuti anche i sanitari della struttura di Medicina Interna, Scienze endocrine e metaboliche prof. Geremia Bolli e la dottoressa Elisabetta Torlone.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*