Orvieto, si dimette l’assessore Massimo Gnagnarini dopo le frasi razziste

“Sollevo l’amministrazione da ogni responsabilità”. Il sindaco stigmatizza: “Atto grave”

Orvieto, si dimette l’assessore Massimo Gnagnarini dopo le frasi razziste

ORVIETO – Si è dimesso l’assessore Massimo Gnagnarini, nella bufera dopo una frase razzista scritta su Facebook. “Da parte dell’Assessore Massimo Gnagnarini – dice il sindaco Germani – ho ricevuto, nelle mie mani, la restituzione delle deleghe assessorili assegnategli. Una frase grave, che va stigmatizzata in modo netto, che, tuttavia, conoscendo personalmente l’Assessore, sono certo che non appartenga al suo bagaglio culturale, morale e politico. Nelle prossime ore, valuterò l’intera vicenda insieme alla Giunta e alla maggioranza”.

Nella lettera inviata, al Sindaco, l’Assessore, Massimo Gnagnarini dal canto ha scritto: “a seguito dell’enorme e grottesco riflesso mediatico sviluppatosi intorno a una mia frase su Facebook, riferita alla storia della persecuzione nazista verso il popolo Rom da me evocata in una infelice quanto inopportuna forma di spirito nel rispondere ad alcune domande poste da un nostro concittadino, desidero sollevare l’Amministrazione da ogni conseguenza o imbarazzo che ne possono derivare. Pertanto ti rimetto le Deleghe di Giunta a me assegnate per favorire ogni chiarimento e valutazione. Circa i miei sentimenti autentici verso gli orrori del nazismo sono la mia storia personale e politica a far fede”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*