Coldiretti, Sos siccità, in primavera in Umbria precipitazioni dimezzate

Gli agricoltori sono già impegnati infatti a fare la propria parte

Coldiretti, Sos siccità, in primavera in Umbria precipitazioni dimezzate

Coldiretti, Sos siccità, in primavera in Umbria precipitazioni dimezzate

PERUGIA – In Umbria nella primavera 2017, si è assistito ad un calo delle precipitazioni, rispetto alla media, di oltre il 40%. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati dell’Osservatorio del Ministero delle Politiche Agricole, dalla quale si evidenzia che le precipitazioni hanno fatto registrare rispetto alla media, un -40,3% a marzo, -42,7% ad aprile e -42,5% a maggio.

Calo delle precipitazioni che ora fa temere per vari comparti – sottolinea Coldiretti – a cominciare dai cereali e i foraggi, fino agli olivi e miele, ma c’è preoccupazione, se dovesse perdurare questa situazione anche nel prossimo futuro, pure per le colture irrigue.

L’aumento delle bizzarrie del clima – aggiunge Coldiretti – ha provocato in pochi mesi l’alternarsi di maltempo, caldo anomalo, gelate e siccità, con danni stimati dalla Coldiretti in quasi un miliardo di euro a livello nazionale. L’andamento anomalo del 2017 conferma la tendenza ai cambiamenti climatici, con l’agricoltura – ricorda Coldiretti – che è l’attività economica che più di tutte le altre ne vive e sconta quotidianamente le conseguenze, ma che è anche il settore più impegnato per contrastarli.

Gli agricoltori sono già impegnati infatti a fare la propria parte – sottolinea Coldiretti – per promuovere l’uso razionale dell’acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l’innovazione con colture meno idro-esigenti. Ma – continua Coldiretti – non deve essere dimenticato che l’acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio e la competitività dell’intero settore alimentare.

Di fronte alla tropicalizzazione del clima – sostiene Coldiretti – se vogliamo continuare a mantenere l’agricoltura di qualità, dobbiamo organizzarci per raccogliere l’acqua nei periodi più piovosi con interventi strutturali che non possono essere più rimandati. Occorrono – conclude Coldiretti – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, creando bacini aziendali e utilizzando le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere acqua.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*