Villa Umbra: oltre 17mila partecipanti e 13mila ore di alta formazione nel 2015

È quanto afferma l'Amministratore Unico della Scuola, Alberto Naticchioni, tracciando un bilancio delle attività  del 2015

Villa Umbra: oltre 17mila partecipanti e 13mila ore di alta formazione nel 2015

Villa Umbra: oltre 17mila partecipanti e 13mila ore di alta formazione nel 2015

Oltre Diciassettemila partecipanti e tredicimila ore di alta formazione in aula su tematiche di interesse locale, regionale e nazionale. Sono questi i numeri fatti registrare nell’anno 2015 dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica.

“La Scuola, presieduta da Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria, in questo momento di riorganizzazione delle funzioni e di tutta la Pubblica Amministrazione continua ad essere un fulcro fondamentale nell’affrontare i radicali mutamenti, le misure di riordino e le misure orientate alla riduzione della spesa e alla sempre più concreta realizzazione di una amministrazione digitale, organizzando corsi formativi per la diffusione delle buone pratiche, per la formazione continua dei dipendenti pubblici.

Dipendenti provenienti, sia dagli Enti soci della Scuola, sia dagli oltre cento Enti convenzionati appartenuti alla regione Umbria, Lazio, Toscana e Marche”. È quanto afferma l’Amministratore Unico della Scuola, Alberto Naticchioni, tracciando un bilancio delle attività  del 2015.

“Visto il positivo riscontro manifestato dagli Enti e dai partecipanti ai corsi” – ha concluso Naticchioni – “la Scuola intende, per il 2016, arricchire l’attività, che si pone in continuità con le azioni intraprese negli anni precedenti, con particolare attenzione alle riforme della Pubblica Amministrazionecontenute in diversi provvedimenti normativi nazionali e regionali caratterizzati da profonde riorganizzazioni e misure orientate alla riduzione della spesa e la sempre più concreta realizzazione di una amministrazione digitale e trasparente attraverso il programma Agenda Digitale, approvato dalla Regine Umbria”.

Infine l’Amministratore ha voluto ricordare come la Giunta Regionale dell’Umbria, con atto N. 1332 del 16 novembre 2015 ha preso atto che il Consorzio “Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica”, istituito con legge regionale del 23 dicembre 2008 n. 24, Ente con personalità giuridica di diritto pubblico dotato di autonomia statutaria, amministrativa, organizzativa e contabile, è altresì conforme al modello organizzativo dell’in house nello svolgimento della propria attività istituzionale.

Il punto sui Corsi. Nel 2015, sono state approfondite, con circa 350 singole attività formative, tutte le novità normative emanata dal governo centrale e locale, dai servizi finanziari, in particolare il tema dell’armonizzazione contabile; alla riforma dell’amministrazione digitale semplificazione e trasparenza; all’anticorruzione; riforma delle Province e riordino società partecipate; alle risorse umane, al settore degli appalti e settore Sanità e sociale. Molte delle attività sono state organizzate con la collaborazione con l’Università degli studi di Perugia; Università per stranieri di Perugia; Università Bocconi; Università LIUC ed Unitelma sapienza.

Nell’ambito del complessivo processo di riordino istituzionale del Paese e del processo di riordino degli enti territoriali conseguente all’attuazione della Legge 56/2014 (cd Legge Del Rio),  Il Ministero per gli Affari Regionali e le Autonomie Locali  in data 13 novembre 2014 ha sottoscritto con la Regione Umbria unProtocollo d’intesa per istituire un Laboratorio Istituzionale presso il Consorzio Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, attraverso cui attivare una fase di confronto e sperimentazione interistituzionale al fine di elaborare modelli innovativi utilizzabili a livello nazionale.

Nel corso del 2015 il Consorzio ha ospitato numerosi incontri del  Laboratorio Istituzionale in attuazione della L 56/2014 di cui fanno parte il rappresentante del Ministero degli Affari Regionali, il Vice Prefetto Francesco Zito,il rappresentante del Dipartimento Funzione Pubblica, d.ssa Annalisa D’Amato, l’Assessore alle Riforme Istituzionali per la Regione Umbria, i Presidenti delle Province di Perugia e Terni, i Dirigenti dei servizi regionali e provinciali interessati nonché esperti in materia di personale, organizzazione e  contabilità pubblica.

Il confronto maturato all’interno del Laboratorio con i rappresentanti dello Stato centrale, ha permesso di portare all’attenzione dei decisori politici nazionali le criticità più urgenti delle nostre istituzioni locali, in merito al percorso di riordino collegato alla riforma delle Province, al trasferimento delle funzioni e quindi delle risorse umane, finanziarie e strumentali collegate; l’azione coordinata tra i diversi soggetti istituzionali  e gli enti locali ha  sollecitato una risposta tempestiva che ha permesso di concludere il processo di riordino in tempi rapidi e con un’efficiente riallocazione delle risorse umane.

Tra le iniziative di maggior rilievo che la Scuola Umbra ha organizzato quest’anno figura il Forum Geografia Paesaggio 2015  realizzato in collaborazione con la Regione Umbria: un primo evento paesaggi in prospettiva – Umbria verso L’EXPO presso il Castello di Solfagnano.

L’iniziativa ha visto la partecipazione degli ordini professionali degli ingegneri, architetti, geologi, agronomi, delle principali aziende del settore enologico e olivicolo, dell’Università e delle associazioni di categoria dei produttori agricoli per riflettere su tre focus centrati sullo sviluppo sostenibile, sulla promozione dei prodotti di qualità in vista della partecipazione della Regione Umbria alla EXPO 2015.

Come nell’anno precedente, la Scuola ha confermato il suo impegno sul fronte del Sociale, collaborando strettamente con l’Assessorato e il Servizio regionale preposto; tra le attività di maggior rilievo, fanno sapere della Scuola, possiamo ricordare il progetto PIUMA, un insieme di percorsi di formazione e di attività di supervisione all’Unità Competente Multidisciplinare, che ha reso possibile la realizzazione di un modello integrato di intervento in grado di fare fronte agli abusi sui minori , attraverso un’efficace rilevazione dei segnali di abuso ed una conseguente presa in carico dei casi.

Rimanendo sul tema minori, la Scuola ha collaborato con la Garante Regionale per L’infanzia organizzando due giornate, una in luglio rivolta alle forze dell’ordine, Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza per la diffusione del Vademecum sull’interazione con i minorenni vittime, autori, testimoni di reato, e una in ottobre rivolta alle comunità educative per minori, per riflettere sul funzionamento generale del sistema.

Sul fronte dell’innovazione amministrativa, la Scuola in collaborazione con la Regione Umbria e l’Università degli Studi, lo scorso 16 novembre ha organizzato, alla Sala dei Notari, un importante convegno dal titolo “Verso le nuove riforme amministrative ( la c.d. Legge Madia)” , ala presenza della Presidente Marinie del Sindaco Romizi, ha visto la partecipazione di illustri magistrati e cattedratici italiani, Bernardo Giorgio Mattarella, capo dell’Ufficio legislativo del Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione ed Antonio Bartolini, assessore regionale alle riforme.

Ulteriori importanti attività, svolte in aula quest’anno, sono il Laboratorio formativo attuare il nuovo ISEE; le novità nel sistema previdenziale dopo la Legge di stabilità 2015; le novità per il pubblico impiego dopo l’approvazione dei decreti del “Jobs Act” ed “Enti Locali”, la disciplina anticorruzione a due anni dal varo della legge 190/2012; cultura della trasparenza e rispetto della privacy nella PA; la Legge n. 190/2012″Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”; eco reati e particolare tenuità del fatto: novità nelle sanzioni ambientali; la conversione in legge del decreto-legge n. 78 del 2015, le prospettive per gli enti locali in vista del ddl stabilità 2016  e la predisposizione del nuovo D.U.P.; il sistema di gestione documentale delle PA: scadenze, adempimenti, responsabilità; modifiche alla disciplina del procedimento amministrativo apportate dalla normativa in materia di anticorruzione e dalla Riforma della PA; Forza e Coraggio: come trasformare una difficoltà in opportunità; i reati contro la Pubblica Amministrazione; novità in materia di appalti dopo la Legge 164/2014 c.d “Sblocca-Italia”; Regolamento regionale n. 2 del 18 febbraio 2015. Norme Regolamentari attuative della Legge Regionale n. 1 del 21 gennaio 2015.

In ambito Sanitario, sempre quest’anno, si è tenuta la quinta edizione del Laboratorio di benchmarking tra sistemi sanitari regionali “Franco Tomassoni” al quale hanno partecipato rappresentati di dieci regioni italiane; il Corso Di Formazione Manageriale Per Dirigenti Di Struttura Complessa; il Corso di alta formazione in Tecnologie e ausili per la disabilità; il Master executive “Applied Behaviour Analysis e modelli di intervento comportamentale intensivo e precoce” – 2015-2017; la Palestra del miglioramento rapido nei blocchi operatori: progetto, già realizzato nel 2011-2012 nei pronto soccorso delle aziende umbre, prevede un lavoro sul campo che ha coinvolto i blocchi operatori (Perugia, Terni, Foligno, Città di castello9, che hanno rappresentato, per il team in formazione, la palestra in cui apprendere a realizzare azioni di sviluppo organizzativo nella logica del miglioramento rapido. Tavolo di lavoro costituito al termine delle 4 palestre ha prodotto – su richiesta del direttore regionale salute – sotto la guida di ing. Giuseppe Negro, un documento di sintesi che rappresenta una bozza di linee guida regionali sul percorso chirurgico.

Inoltre si è svolto il Percorso partecipativo per l’elaborazione del piano di prevenzione 2015-2017; il Pacchetto formativo rivolto al Terzo settore; il corso Sanità digitale e fascicolo sanitario elettronico; il Pacchetto formativo integrato per un sistema di intervento regionale di accoglienza e presa in carico dei giocatori e delle famiglie sul gioco d’azzardo patologico; il Percorso partecipativo per l’elaborazione del Piano sanitario regionale ed il Percorso partecipativo per l’elaborazione della legge regionale giovani e sua presentazione.

Per il settore della “medicina generale” è stato svolto il Corso che abilita allo svolgimento della professione di Medico di Medicina Generale(MMG), per il triennio 2015-2018, ed il Corso per Tutors in Medicina Generale.

Infine nel 2015, la Scuola – oltre ad aver aderito alla Fondazione Villa Fabri, all’Associazione Nemetria ed aver sottoscritto una convenzione con la Scuola speciale ACOI di chirurgia ambulatoriale e day surgery di Terni – ha sottoscritto una convenzione che permette l’emanazione di un bando per sei borse di studio, a favore dei biologi iscritti all’Enpab (Ente nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Biologi) per la partecipazione al “Corso di formazione per micologi“, giunto alla decima edizione ed organizzato dalla Scuola umbra di amministrazione pubblica di Villa Umbra.

Villa Umbra

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*