Vicepresidente Casciari incontra ricercatori brasiliani e polacchi

“La presenza in Umbria di una delegazione di studenti e ricercatori dell’Università brasiliana di Pelotas e dall’Università polacca di Wroclaw, rappresenta l’occasione per rinsaldare i rapporti di collaborazione decennale tra la Regione Umbria e questi paesi”: lo ha affermato la vicepresidente della Regione Umbria, Carla Casciari a margine dell’incontro con un gruppo di ricercatori ospiti a Perugia del terzo workshop del gruppo multidisciplinare di ricerca su Selenio Zolfo e Catalisi Redox, organizzato professor Claudio Santi del Dipartimento di Farmacologia dell’Università degli Studi di Perugia.

“In Brasile l’Umbria è attiva da tempo, in particolare – ha ricordato Casciari -, il programma Brasil Pròximo/Cinque Regioni italiane per lo sviluppo locale integrato del Brasile è un programma di cooperazione internazionale, cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri, che, attraverso un accordo di collaborazione fra le Regioni Umbria, Marche, Toscana, Emilia Romagna, Liguria e la Presidenza della Repubblica del Brasile, è finalizzato all’attivazione, nel medio periodo, di progetti e processi di sviluppo locale integrato, equo e sostenibile”.

“Oggi il Brasile non può essere più soggetto beneficiario dei programmi di aiuto allo sviluppo della cooperazione italiana in quanto è diventato un importante e imprescindibile player internazionale sul mercato globale – ha aggiunto – Dobbiamo quindi, cercare e trovare nuove strade per la cooperazione tra Italia e Brasile, come quella tra università, tra sistemi di impresa, tra sistemi territoriali guardando ad una sempre maggiore internazionalizzazione dei nostri territori”.

“Il Brasile – continua -, può rappresentare per l’Umbria, per le nostre imprese e anche per le nostre Università una grande opportunità per instaurare rapporti di collaborazione e scambio, al fine di valorizzare le ricchezze del ‘sistema Umbria’ inteso come il complesso di attività e professionalità che possiamo mettere in gioco”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*