Un notaio per amico, firmato nuovo protocollo d’intesa

Un notaio per amico, firmato nuovo protocollo d’intesa.

E’ stato firmato questa mattina, nella Sala rossa di Palazzo dei Priori, il nuovo protocollo d’intesa tra Comune di Perugia e Consiglio notarile di Perugia per prorogare il servizio di consulenza notarile gratuita ai cittadini.

Ad apporre la firma sono stati il sindaco di Perugia Andrea Romizi e il presidente del Consiglio notarile di Perugia Filippo Brufani.

Il precedente protocollo era stato sottoscritto il 29 ottobre 2010 e si era prorogato tacitamente di anno in anno. Il servizio che ne è conseguito si è svolto regolarmente ogni giovedì del mese ed ha avuto un riscontro positivo da parte dei cittadini.

Ciò è confermato dai dati concernenti le presenze degli ultimi tre anni, in costante crescita nel tempo: 147 nel 2012, 177 nel 2013, 180 nel 2014, 98 nella prima parte del 2015.

Le parti, dunque, in considerazione del successo ottenuto, hanno inteso rinnovare l’iniziativa.
Nel dettaglio, il servizio d’informazione gratuita continuerà a riguardare tassativamente materie di competenza notarile, ed, in particolare, compravendite di immobili, mutui, successioni (testamenti ed altro), diritto di famiglia (convenzioni matrimoniali e simili), ecc.

Il servizio si svolgerà all’interno della sede comunale in Corso Vannucci n. 19 (Palazzo dei Priori), in un locale messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale.

Il servizio sarà effettuato una volta al mese, con orario dalle 9,30 alle 12,30. Nel caso in cui le richieste di consulenza dovessero essere numerose e tali da comportare un ulteriore giorno dedicato, il Consiglio notarile si è già dichiarato disponibile ad assicurare il servizio.

L’informazione sarà fornita da professionisti del Collegio notarile in numero adeguato alle richieste. Il turno di assistenza verrà curato dal Consiglio notarile, che provvederà a stilare il programma di lavoro, a curare le necessarie sostituzioni e ad informare il Comune del piano di presenze con indicazione dei notai incaricati del servizio.

I cittadini non assumeranno, né dovranno assumere alcun vincolo di prestazione nei confronti dei notai, che incontreranno nell’ambito dell’attività d’informazione. A loro volta i notai informatori saranno tenuti a non condizionare in alcun modo il cittadino richiedente circa la scelta del collega che si occuperà successivamente della pratica, che eventualmente potrà svilupparsi a seguito della consulenza.
L’informazione è assolutamente gratuita per i cittadini.

Sarà cura del Comune di Perugia informare adeguatamente i cittadini del proseguimento dell’attività d’informazione, comunicando luogo e data e orario degli incontri.

Gli appuntamenti, che avranno durata di circa 20/30 minuti, saranno fissati dal Comune, nelle forme e nei modi che verranno ritenuti opportuni.

L’intesa ha una durata di un anno dalla data di sottoscrizione e s’intende tacitamente rinnovata, per un identico periodo, salvo diverso avviso delle parti contraenti che possono integrarla e modificarla di comune accordo, anche per tener conto di nuove disposizioni normative o di ulteriori aspetti che potranno emergere nel corso della collaborazione.
Il sindaco Andrea Romizi ha confermato che Amministrazione e Consiglio notarile hanno inteso riproporre il servizio in considerazione del successo che l’iniziativa, nei cinque anni passati, ha fatto registrare. Era doveroso, dunque, dare seguito ad un progetto che, peraltro, non hai avuto soluzione di continuità.

L’occasione della firma del protocollo – ha riferito il sindaco – è stata utile anche per confrontarsi su altre questioni, affinché la collaborazione con la categoria dei notai ed, in generale, con tutti gli ordini professionali, venga rafforzata.

Romizi ha posto l’accento, tra le iniziative assunte dall’Amministrazione in tempi recenti, in particolare sulla rivisitazione del sito internet del Comune; nell’ambito della revisione è stata introdotta la possibilità per i cittadini di richiedere ed ottenere on-line molteplici certificati. Una proposta che la popolazione ha dimostrato di apprezzare.

“Tuttavia abbiamo intenzione di fare ancora di più, perché l’obiettivo di questa Amministrazione è di fornire servizi sempre più puntuali in favore dei cittadini. Vogliamo, in sostanza, accrescere l’offerta dei servizi nell’ottica di una crescente efficacia ed efficienza dell’attività amministrativa, eliminando ogni possibile ostacolo. E’ una sfida che è già stata lanciata e che vogliamo vincere ad ogni costo”.
In chiusura il sindaco ha confermato il senso di “un notaio per amico”: l’obiettivo è di avvicinare la gente alla categoria per ottenere informazioni puntuali su argomenti di carattere tecnico; infatti spesso è percepita una sorta di timore reverenziale nel rivolgersi direttamente agli studi notarili.

Ora, per dare continuità ai risultati del passato, l’Amministrazione provvederà a fornire ampia informazione sull’opportunità offerta ai cittadini, affinché tutti siano messi in condizione di usufruirne.

Il presidente del Consiglio notarile di Perugia dott. Filippo Brufani ha ricordato il percorso seguito dalle parti per procedere al rinnovo dell’accordo. Dopo cinque anni dalla precedente sottoscrizione, Comune e notai hanno inteso fare un primo bilancio del progetto, da cui è emerso l’assoluto gradimento espresso dai cittadini. Non è un caso che le presenze agli incontri sono in costante crescita di anno in anno.

Sotto questo profilo Brufani ha voluto ringraziare l’Amministrazione ed i funzionari comunali per l’impegno profuso così da rendere possibile il progetto.

“Questa iniziativa – ha commentato il presidente – è importante per la categoria dei notai, perché ci consente di avvicinarci ai cittadini. Ciò per far capire alla gente quale è l’attività svolta dai professionisti: il notaio non deve essere visto, infatti, solo come colui che stipula l’atto finale, ma anche come una figura di riferimento per fornire consulenze necessarie per risolvere problematiche di ogni genere.

Ricordo che queste consulenze vengono offerte agli utenti gratuitamente anche negli studi notarili; tuttavia organizzare appositi incontri nella sede comunale rende più semplice il contatto, eliminando quel timore reverenziale di cui si è detto”.

Brufani ha confermato, infine, che l’opportunità rivolta ai cittadini di richiedere ed ottenere direttamente on line i certificati anagrafici funziona, tanto da aver registrato un positivo riscontro sia da parte dei professionisti che degli utenti.

Un notaio per amico

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*