Umbria, accordo quadro fra Regione e Rfi

Umbria, accordo quadro fra Regione e Rfi
Incremento capacità traffico e potenziamento servizi ferroviari

Programmare la capacità di traffico ferroviario sulle linee ferroviarie dell’Umbria per dieci anni: a regime la produzione sarà di circa 3,9 milioni treni chilometro/anno. Potenziare i collegamenti ferroviari con Roma e con le Marche. Sviluppare la connessione fra l’infrastruttura gestita da Rete Ferroviaria Italiana e il network dell’operatore ferroviario regionale. Integrare le diverse modalità di trasporto dell’Umbria elaborando un sistema integrato di servizi: orario cadenzato e coincidenze.

Sono gli obiettivi strategici dell’Accordo Quadro siglato oggi a Perugia da Giuseppe Chianella, Assessore Regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti della Regione Umbria, e daMaurizio Gentile, Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana.

L’Accordo prevede incrementi della capacità di traffico ferroviario in particolare su queste linee:

  • linea Terontola – Perugia – Terni, via Assisi – Foligno – Spoleto: in particolare con servizi dedicati per le stazioni maggiormente utilizzate da circa il 50% dei residenti in Umbria;
  • incremento e ottimizzazione del servizio biorario per la relazione Foligno – Firenze;
  • linea Roma – Ancona (tratto Orte – Fossato di Vico): incremento collegamenti treni pendolari con Roma;
  • programmazione integrata con Regione Marche di treni Regionali Veloci sull’asse ferroviario Ancona – Foligno – Roma.

L’Accordo Quadro è lo strumento tecnico che consentirà a Regione Umbria di prenotare capacità di traffico per la rete ferroviaria regionale, di programmare nel medio/lungo periodo l’uso dell’infrastruttura ferroviaria in funzione del Piano Regionale dei Trasporti.

Per RFI l’Accordo Quadro relativo alla capacità ferroviaria è il principale strumento per determinare le reali esigenze di mobilità del territorio intervenendo e per programmare, ove sia necessario, piani di upgrade infrastrutturale per ottimizzare al meglio lo sviluppo dei servizi regionali.

Umbria

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*