Terremoto Umbria, dall’accoglienza alla viabilità il punto della giunta regionale

La situazione sul fronte sanitario si è sostanzialmente normalizzata dopo la prima fase dell’emergenza

Terremoto Umbria, dall’accoglienza alla viabilità il punto della giunta regionale

Terremoto Umbria, dall’accoglienza alla viabilità il punto della giunta regionale. “Prosegue l’accoglienza delle persone che hanno deciso di allontanarsi dai luoghi del sisma – ha detto l’assessore regionale Antonio Bartolini.  700 persone sono state dislocate nella zona del Trasimeno e del Perugino, mentre sono state  individuate  nuove zone per l’ospitalità anche nell’Orvietano e nel Ternano. Continuano inoltre ad essere a disposizione   gli autobus per quanti decideranno di allontanarsi dalla Valnerina.  Le rete assistenziale è  insomma pienamente operativa e la macchina della solidarietà è in movimento, anche con la raccolta di indumenti e di vestiario. Domani alle 17, presso il Centro regionale di Protezione civile di Foligno,  insieme ai sindaci delle zone colpite e alle Province si farà il punto sugli istituti scolastici per consentire la ripresa delle attività didattiche in assoluta sicurezza”.

“Entro oggi – ha annunciato l’assessore Fabio Paparelli – verranno montane le tende collettive a Norcia e Cascia per quanti intendono rimanere a presidiare il territorio e non vogliono allontanarsi dalle proprie abitazioni e attività produttive. Si tratta di 9 tende, con una dimensione di 12 metri per otto, capaci di ospitare complessivamente circa 400 persone. In queste aree sarà fornito tutto quanto necessario a quanti sono rimasti sul posto e non hanno scelto né l’autonoma sistemazione, né l’ospitalità alberghiera”.

Sul fronte dell’agricoltura, l’assessore Fernanda Cecchini ha annunciato che “da domani, a Norcia, verrà allestito un presidio per gli agricoltori colpiti dal terremoto. Un punto di riferimento a cui rivolgersi anche per richieste, informazioni e segnalazioni.  Intanto si sta lavorando per quantificare i danni aggiuntivi rispetto al precedente sisma per quanto riguarda il comparto agricolo e zootecnico. Nelle primissime ore del pomeriggio di oggi – ha concluso – è previsto un incontro a Roma con il ministro alle politiche agricole Maurizio Martina”.

Intanto stamani a Foligno  l’assessore regionale alla sanità Luca Barberini ha partecipato alla prima riunione  dell’unità di crisi istituita per approfondire le diverse questioni legate alla situazione sanitaria. Erano presenti fra gli altri i vertici della Usl 2. “La situazione sul fronte sanitario – ha detto l’assessore – si è sostanzialmente normalizzata dopo la prima fase dell’emergenza in cui sono stati affettuati i trasferimenti dalle zone del sisma di quanti  presentavano  maggiori criticità. Ora – ha aggiunto l’assessore –  va programmata l’attività sanitaria ordinaria relativamente alla presa in carico dei pazienti e la piena operatività delle altre funzioni territoriali, anche in considerazione – ha concluso – dell’avvio del piano di vaccinazione infantile e antinfluenzale che dovrebbe partire la prossima settimana”.

Sul versante viabilità l’assessore Giuseppe Chianella ha evidenziato che tutto il reticolo minore viario attorno a Norcia è percorribile, mentre permangono criticità su altre arterie e vi sono zone isolate, cone nel caso di Castelluccio.  Il punto sulla situazione viaria post sisma verrà fatto a breve nel corso dell’incontro in programma stamani, a Norcia, con l’Ing. Gioacchino Del Monaco di Anas

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*