Unipegaso

Terremoto, assessore Bartolini a Corciano fa il punto dell’accoglienza

Centri operativi comunali importanti riferimenti territoriali

Asili nido, assessore Bartolini a consigliere Squarta, a speculazioni rispondiamo con i fatti

Terremoto, assessore Bartolini a Corciano fa il punto dell’accoglienza. A una settimana dal sisma del 30 ottobre, l’assessore regionale Antonio Bartolini ha fatto il punto sull’accoglienza delle oltre mille persone dei comuni terremotati, ospitate in alberghi di Perugia e nell’area del Trasimeno: a tal fine si è tenuto un incontro a Corciano alla presenza dell’assessore, al quale hanno partecipato i sindaci e i rappresentanti dei Comuni del Perugino e del Trasimeno, dell’Ufficio scolastico regionale, del terzo settore, delle associazioni di categoria degli albergatori, nonché i funzionari della Protezione civile.

“Sostanzialmente – ha detto l’assessore – è emerso un quadro soddisfacente in quanto i servizi alle persone offerti in questa fase di emergenza, al momento, hanno dato risposte efficaci ai bisogni delle famiglie, anche grazie al grande impegno delle istituzioni locali, dei volontari e delle associazioni imprenditoriali che in questa settimana hanno, con grande sforzo, garantito la giusta accoglienza”.

“Per rendere ancora più efficace il lavoro svolto sinora – ha proseguito Bartolini – è stato deciso che i Centri operativi comunali dovranno fare da raccordo tra le realtà territoriali e la Regione per garantire un’adeguata integrazione sociale e assistenziale alle persone che hanno dovuto lasciare le loro case e le loro città”.

Concludendo l’assessore ha detto che “si sta riservando massima attenzione ai più giovani in modo da garantire loro una quotidianità serena e la ripresa rapida dell’iter scolastico”. Relativamente a quest’ultimo aspetto l’assessore ha riferito che si sta procedendo alla ricognizione attraverso l’anagrafe scolastica di tutti i ragazzi che dovranno riprendere la scuola per far sì che il rientro sui banchi avvenga in tempi rapidi nelle istituzioni scolastiche dei territori ospitanti”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*