Primi d'Italia

Terni, stelle al merito ai maestri del lavoro

stelle(umbriajournal.com) TERNI – Consegnate questa mattina nella sala del Consiglio provinciale le stelle al merito a nove nuovi maestri del lavoro. Sono state date a Renato Battistoni, 27 anni di servizio alla ThyssenKrupp AST, Paolo Di Erasmo, 38 anni all’Enel, Vittoria Fittuccia, artigiana, 37 anni alla pasticceria Fittuccia, Claudio Galati, 32 anni nel settore dei trasporti, Carlo Gentili, 39 anni come dirigente alla Cassa di risparmio di Terni e Narni, Enzo Giuliani, 41 anni di servizio come impiegato nell’impresa edile Pallotta, Benvenuti Menicocci, 38 anni alla ThyssenKrupp AST, Sergio Pannuzi, 35 anni alla ThyssenKrupp AST, Donatella Valentini, 29 anni alle Poste. Alla cerimonia, oltre ai familiari dei premiati, erano presenti il presidente della Provincia di Terni Feliciano Polli, il console per la provincia di Terni della Federazione maestri del lavoro Antero Mattiussi, il segretario della Federazione Gianfranco Monesi. Nel portare i suoi saluti, il presidente Polli si è soffermato sulla difficile situazione economica che stiamo attraversando. “C’è bisogno – ha affermato Polli – di guardare avanti con una mentalità nuova, adeguata. Ci stiamo muovendo concretamente sui versanti della siderurgia, del polo chimico, delle fonti rinnovabili, dei distretti tecnologici, della ricerca, dell’università, della sanità. A questo proposito, è un dato per il territorio rilevante la presenza dell’Azienda ospedaliera universitaria. Siamo in una fase significativa di profonde trasformazioni. In momento molto delicato come l’attuale è importante che tutti cooperino. L’esperienza delle persone oggi insignite è molto importante, bisogna trarne tesoro. Come Provincia di Terni – ha aggiunto il presidente – abbiamo destinato cinque milioni ai centri per l’impiego e concentrato il nostro impegno e le nostre risorse all’occupazione. Bisogna proseguire il gioco di squadra – ha concluso Polli – per vincere la nostra scommessa in un assetto globale che cambia rapidamente e superare con successo periodi drammatici come quello che stiamo attraversando”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*