TERNI-NARNI, PIATTAFORMA LOGISTICA, DEFINITA VARIANTE TECNICA PER POTENZIAMENTO

Assessore Stefano Vinti
Assessore Stefano Vinti
Assessore Stefano Vinti

(umbriajournal.com) TERNI-NARNI – È stata definita la variante tecnica alla piattaforma logistica di Terni-Narni con la quale vengono apportate le migliorie necessarie per accrescerne le funzioni, soprattutto quelle relative allo scambio gomma-gomma. A comunicarlo è l’assessore ai Lavori pubblici della Regione Umbria, Stefano Vinti. Le principali modifiche interessano le finiture, riguardando in particolare i materiali per la realizzazione della viabilità interna e autobloccante per gran parte del terminal logistico e il miglioramento del deflusso delle acque del rilevato attraverso idonei canali di scolo.

La Direzione Lavori, inoltre, in accordo con l’impresa impegnata nella costruzione della piastra logistica sta valutando la razionalizzazione dell’impiantistica al fine di prevedere il cablaggio in fibra ottica completo degli edifici in costruzione e il loro collegamento a larga banda all’interno del cavidotto dati già presente in progetto e introdotto dai progettisti regionali con una precedente variante.

L’assessore Stefano Vinti esprime “soddisfazione” soprattutto per il lavoro svolto dai tecnici regionali, che seguono l’opera direttamente e che hanno redatto la perizia. “Il lavoro degli uffici dell’Ente come Stazione appaltante, di direzione lavori, di coordinamento della sicurezza, nonché di progettista in merito alle variazioni e recuperi intervenuti – rileva – ha permesso di risparmiare all’amministrazione regionale ben oltre un milione di euro, garantendo la qualità dell’intervento e traghettando l’opera fino ad oggi.

È stata mantenendo integra l’intenzione iniziale di utilizzare la seconda parte del ribasso d’asta con l’obiettivo di realizzare le finiture previste nel progetto definitivo”. L’assessore sottolinea “le difficoltà di gestione di un cantiere così grande, quasi venti ettari, in cui si svolgono numerose lavorazioni, con problematiche molteplici. L’azione di squadra, favorita dalla condotta unitaria pubblica, così come previsto anche dal Codice dei contratti – evidenzia – ha portato, ad oggi, a non incorrere in interruzioni o sospensioni, risolvendo, tra l’altro, i numerosi controlli, monitoraggi e verifiche che un’opera strategica richiede”.

“In un periodo di crisi – prosegue Vinti – anche il finanziamento che copre l’intervento richiede un’architettura finanziaria particolare. Gli uffici regionali hanno mantenuto alta l’attenzione, svolgendo i numerosi passaggi burocratici richiesti, affinché il flusso monetario, soprattutto di competenza statale, rimanesse costante”. La base logistica è situata in un’area di oltre 20 ettari fra i territori comunali di Terni e Narni. Prevede aree destinate alle merci, costituite da capannoni, piazzali e magazzini, aree destinate all’uomo, costituite da uffici, sale riunioni, servizi vari.

L’opera sarà collegata alla rete viaria principale attraverso la S.P. Marattana. Il rapporto della base logistica con la rete ferroviaria è regolato principalmente dalla linea Orte-Falconara, a doppio binario. Il completamento, da realizzare con altro appalto, prevede l’esecuzione degli allacci alla linea Orte-Falconara, nonché l’impiantistica necessaria per creare una vera e propria stazione ferroviaria. L’intervento rientra nel programma della Legge obiettivo n. 443/2001; il progetto prevede la spesa complessiva di 22.819.336,91 euro. I lavori di questo primo stralcio termineranno nel giugno del 2014. La base logistica, pertanto, già nel 2014 è disponibile per la gestione gomma-gomma.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*