Riforma del Terzo settore e la legge sul “dopo di noi” a Villa Umbra

Le due Riforme saranno analizzate nella dimensione del rapporto fra le pubbliche amministrazioni

Riforma del Terzo settore e la legge sul “dopo di noi” a Villa Umbra. La Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, in collaborazione con ANCI Umbria, ha organizzato per l’11 luglio prossimo (ore 9) un incontro di approfondimento relativo a due recentissime iniziative legislative di rilevante interesse per le comunità locali: la riforma del Terzo settore e la legge sul c.d. dopo di noi.

I lavori, aperti da Alberto Naticchioni, Amministratore Unico della Scuola, e da Edi Cicchi, Presidente della Commissione Welfare dell’ANCI nazionale, sono affidati a Luciano Gallo, membro del Gruppo tecnico del nuovo codice dei contratti dell’ANCI nazionale.

Le due Riforme saranno analizzate nella dimensione del rapporto fra le pubbliche amministrazioni, gli enti del Terzo settore e gli utenti finali. Tale scelta, infatti, è la diretta conseguenza del profondo impatto che la Riforma del Terzo settore, una volta completata l’attuazione della delega, determinerà su tutti i soggetti, pubblici e privati.

Da qui l’ulteriore convinzione che la Riforma esalta ancor di più il principio di sussidiarietà orizzontale, chiamando gli Enti del Terzo Settore ad un ruolo di maggiore responsabilizzazione nei confronti sia delle pubbliche amministrazioni che degli utenti.

Da ultimo, l’occasione è utile anche per coordinare la Riforma del Terzo settore con la nuova disciplina sui contratti pubblici, da poco entrata in vigore, che ad esempio detta una disciplina generale sui servizi sociali, nonché con l’imminente entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della delega in materia di riforma dei servizi di interesse economico generali (c.d. SIEG).

L’altra Riforma oggetto del seminario di approfondimento è quella relativa alla legge sul c.d. dopo di noi. Si tratta di una disciplina che posiziona l’Italia fra le prime esperienze di civiltà giuridica. Anche su tale tema l’angolazione di visuale sarà quella del rapporto fra pubbliche amministrazioni, in primo luogo Comuni, enti del terzo settore e famiglie. Tutti, chiamati ad assicurare la tenuta sociale delle comunità, soprattutto con la riduzione delle risorse pubbliche e, di contro, con l’aumento dei mutevoli bisogni.

Inoltre sempre lunedì a Villa Umbra, a partire dalle ore 15, si terrà la presentazione del rapporto sui minori fuori dalla famiglia d’origine, dati del 2013/2014.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*