Primi d'Italia

Regione Umbria 8 milioni per finanziare oltre 50 imprese

bando ricerca e sviluppo: paparelli: “più di umbre”, giunta regionale autorizza scorrimento graduatoria

Impianti sportivi pubblici Perugia, pronto nuovo bando per lavori manutenzione
Fabio Paparelli

Regione Umbria 8 milioni per finanziare oltre 50 imprese “La Regione Umbria ha deciso di rafforzare ulteriormente il proprio impegno a sostegno dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale per favorire la crescita e l’occupazione”: lo ha detto il vice presidente e assessore allo sviluppo economico, Fabio Paparelli, commentando l’approvazione, da parte della giunta regionale, dell’atto che autorizza lo scorrimento della graduatoria del Bando a sostegno dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale – 2015, finanziato con le risorse del programma operativo “Umbria FESR” nell’ambito dell’obiettivo “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione” per la Regione Umbria. Paparelli ha evidenziato come “la risposta ricevuta dal sistema delle imprese umbre a seguito della pubblicazione del bando, gestito con misure a sportello, denota una forte spinta del sistema locale a investire sui processi di innovazione che va premiata. A tal fine – ha ricordato l’assessore – a seguito di un ulteriore stanziamento di 1 milione e 500 mila euro, recentemente approvato dalla Giunta regionale, la dotazione complessiva della misura supererà gli 8 milioni di euro e permetterà a oltre 50 aziende umbre di innescare processi di investimento virtuosi finalizzati a valorizzare la ricerca e lo sviluppo industriale e l’assunzione di personale qualificato.

La scelta strategica di aumentare il numero dei progetti finanziabili – ha concluso il vice Presidente – è funzionale al rafforzamento de processi di innovazione delle imprese indispensabili per migliorare la competitività e lo sviluppo e sarà in grado di generare una ricaduta di investimenti complessivi sul territorio per oltre 20 milioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*